Ovaio policistico, inositolo e disturbi legati alla sua assunzione

Dottoressa Elisa Valmori A cura di Dottoressa Elisa Valmori Pubblicato il 28/08/2019 Aggiornato il 28/08/2019

Gli integratori a base di inositolo possono determinare effetti indesiderati: quando accade è opportuno sospenderne l'assunzione.

Una domanda di: Jessica
E’ da circa 1 mese che assumo integratore Inofolic combi perché ho l’ovaio policistico e ciclo irregolare. Dopo quanto tempo posso già vedere risultati? Perché adesso sono due mesi circa che non ho le mestruazioni. E in più da quando assumo questo integratore ho mal di pancia, senso di vomito e, mi scusi il termine, diarrea. E’ normale? Non so più cosa fare, grazie.
Elisa Valmori
Elisa Valmori

Buongiorno Jessica, a mio parere è meglio che lei effettui una visita ginecologica di controllo per decidere il da farsi.
I sintomi che lei riporta possono essere considerati effetti collaterali dell’integratore a base di inositolo che le è stato prescritto.
A mio parere non è ragionevole che lei continui ad assumere questo integratore, visto quanto il suo intestino si sta ribellando.
In alcuni casi, l’ovaio policistico e il ciclo irregolare si associano ad un sovrappeso. Non so se sia il suo caso. Il sovrappeso si ha con un indice di massa corporea compreso tra 25 e 29,9 (dal 30 in su si ha l’obesità vera e propria. Il normopeso si ha tra 18 e 24,9. Al di sotto del 18 si ha il sottopeso).
L’indice di massa corporea si ottiene dividendo il peso in chili per il quadrato dell’altezza. Per esempio, una donna che pesa 62 chilogrammi ed è alta 1,70 metri ha un indice di massa corporea pari a 21,45 (62:2,89=21,45). A questo link può calcolare il suo:

Calcola il tuo indice di massa corporea


Se fosse in sovrappeso, basterebbe intraprendere una dieta con blanda restrizione calorica (ad esempio 1500-1700 kcal/die) e associare un esercizio fisico almeno a giorni alterni (3/4 volte alla settimana, per esempio 20-30 minuti di camminata a passo spedito) per vedere già dei risultati interessanti non solo in termini di linea ma anche di funzionalità ovarica.
Attenzione a non eccedere con l’esercizio fisico: il troppo stroppia! Le ovaie hanno bisogno di una quota di tessuto adiposo di riserva per poter funzionare bene, infatti dal punto di vista biologico ogni ovulazione equivale alla disponibilità dell’organismo di andare incontro ad una gravidanza, con tutto quello che ne consegue dal punto di vista energetico. Non conosco la sua età ma le posso predire che le persone con l’ovaio policistico hanno una tenuta migliore nel tempo in termini di fertilità, quindi non si preoccupi se adesso non ha il ciclo regolare: a suo tempo, se lo vorrà, potrà diventare mamma.
Spero di averla aiutata, resto a disposizione se desidera, cordialmente.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

In ansia per quello che non mangerà alla scuola materna

31/07/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

All'asilo i bambini tendono ad accettare di buon grado pietanze che a casa respingono, per imitare i coetanei. L'ingresso in comunità sotto il profilo dell'alimentazione è spesso provvidenziale.   »

Quarto cesareo a 30 anni: sono proprio tanti i rischi?

26/07/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Un quarto cesareo espone la donna a vari rischi che è bene valutare attentamente anche con l'aiuto del ginecologo curante.  »

Paura di aver contratto la toxoplasmosi

28/06/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Per sapere se malauguratamente si è state contagiate dal Toxoplasma gondii si può fare il toxo test, a partire da 20 giorni dopo l'ingestione dell'alimento che si teme fosse contaminato.   »

Fai la tua domanda agli specialisti