Ovulazione dopo l’aborto: dopo quanto si verifica?

Dottor Bruno Mozzanega A cura di Dottor Bruno Mozzanega Pubblicato il 22/09/2021 Aggiornato il 22/09/2021

Dopo l'interruzione di una gravidanza, il momento in cui le ovaie ricomincia a lavorare normalmente varia da donna a donna.

Una domanda di: Matteo
Chiedo gentilmente: dopo un aborto spontaneo la ripresa
dell’ovulazione avviene immediatamente, quindi le perdite di sangue che seguono l’evento sono come una normale mestruazione oppure, come leggevo su
internet, devono passare almeno due settimane?
Cordialmente.

Bruno Mozzanega
Bruno Mozzanega

Gentile lettore,
la gravidanza, anche solo iniziale, così come l’uso della pillola anticoncezionale, mette a riposo ipofisi e ipotalamo (i centri regolatori del ciclo mestruale): gli ormoni nel sangue abbondano e le ovaie non vengono stimolate.
Perché i cicli ripartano normalmente e con essi l’ovulazione è necessario smaltire gli ormoni residui (anche quelli prodotti inseguito al concepimento e, quindi, all’inizio della gravidanza, e questo può richiedere qualche giorno e può variare da donna a donna nei tempi.
Se la sua compagna riconosce i giorni fertili attraverso le variazioni caratteristiche del muco cervicale (che in prossimità dell’ovulazione diventa trasparente e filante, assumendo la consistenza della chiara d’uovo) potrà capire quando sta per verificarsi nuovamente l’ovulazione. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Gravidanza e uso di crack: ci sono pericoli?

18/10/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Antonio Clavenna

Durante la gravidanza, l'impiego del crack, stupefacente ricavato dalla cocaina, espone sia la futura mamma sia il feto a una serie di rischi. Per combattere ansia e stress è dunque inopportuno usarlo, ma ricorrere a preparati che non siano pericolosi.   »

Progesterone o aspirinetta in gravidanza?

12/10/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

I due prodotti medicinali non sono incompatibili: se la condizione della futura mamma lo richiede si possono impiegare tutti e due.   »

Bimbo di sette anni che sfida continuamente la mamma

11/10/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Non si può permettere a un bambino di tenere sotto scacco i genitori, disobbedendo e facendo sempre e solo di testa propria. Contenerlo con dolce fermezza è la priorità assoluta.   »

Fai la tua domanda agli specialisti