Ovulazione: può verificarsi anche se si prende la pillola?

Dottoressa Elisa Valmori A cura di Dottoressa Elisa Valmori Pubblicato il 31/10/2019 Aggiornato il 18/11/2019

Ci sono casi in cui, nonostante l'assunzione del contraccettivo orale, la donna continua a essere fertile: accade, per esempio, se è in sovrappeso.

Una domanda di: Cristina
Dottoressa, vorrei un chiarimento: prendo la pillola Zoely (a basso dosaggio) e noto perdite bianche tipo ovulazione. Ma la pillola non dovrebbe bloccare l’ovulazione? Non ho bruciori, pertanto escludo infezioni. Devo preoccuparmi?

Elisa Valmori
Elisa Valmori

Salve Cristina, in effetti come lei ha osservato può capitare che anche sotto pillola si verifichi l’ovulazione. Questo può accadere più facilmente in caso si tratti di donne giovani, oppure di pillole a basso dosaggio ormonale (come nella maggioranza delle pillole moderne) o in donne in sovrappeso/obese. Ogni donna è a sé e risponde in modo personalizzato ai trattamenti farmacologici. A volte l’assunzione in contemporanea di alcuni farmaci (ad esempio alcuni anti-epilettici) può velocizzare l’eliminazione della pillola e ridurre quindi la sua efficacia farmacologica. Va detto, a onor del vero, che la pillola non agisce soltanto sulle ovaie ma su tutto l’apparato genitale, alterandone il funzionamento in modo da ostacolare a più livelli la fertilità.
In particolare, la pillola altera la qualità del muco cervicale, rendendo più difficoltosa la risalita degli spermatozoi nel collo dell’utero. Poi viene alterata la motilità a livello delle tube, in modo da desincronizzarle rispetto all’ovulazione e alla risalita degli spermatozoi. Infine, è alterato lo spessore e la qualità del rivestimento uterino interno (l’endometrio) che risulta inadatto all’impianto dell’eventuale embrione (qualora i precedenti step siano stati aggirati). Naturalmente, presumo non ci siano state da parte sua dimenticanze di assunzione della pillola stessa, altrimenti queste perdite di muco sarebbero da imputare alle oscillazioni ormonali conseguenti alle dimenticanze stesse.
In conclusione, se nel corso dei prossimi mesi di trattamento lei vedesse ripetersi i giorni con perdite di muco simili a quelli dell’ovulazione, le direi di verificare con la sua ginecologa se questa pillola sia adeguata per lei in termini di dosaggio. Spero di averla aiutata, a disposizione se desidera.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Voglio un figlio (a 44 anni) ma ho paura che non sia sano: che fare?

27/07/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La scelta di avere un figlio in età avanzata è personalissima: nessuno specialista può dare consigli al riguardo, solo indicare i rischi a cui si potrebbe andare incontro, in modo da permettere di decidere con consapevolezza.  »

Quarto cesareo a 30 anni: sono proprio tanti i rischi?

26/07/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Un quarto cesareo espone la donna a vari rischi che è bene valutare attentamente anche con l'aiuto del ginecologo curante.  »

Paura di aver contratto la toxoplasmosi

28/06/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Per sapere se malauguratamente si è state contagiate dal Toxoplasma gondii si può fare il toxo test, a partire da 20 giorni dopo l'ingestione dell'alimento che si teme fosse contaminato.   »

Fai la tua domanda agli specialisti