Ovuli di cicatridina: può iniziare una gravidanza mentre si usano?

Dottoressa Elisa Valmori A cura di Dottoressa Elisa Valmori Pubblicato il 08/05/2024 Aggiornato il 08/05/2024

L'impiego di ovuli vaginali che contengono clorexidina e imidazolidinil urea (sostanza che rilascia formaldeide) rende poco opportuna la ricerca concomitante di una gravidanza. Meglio rimandare a dopo il termine della cura.

Una domanda di: Valentina
Mi chiedevo se si può rimanere incinta assumendo ovuli di cicatridina (quasi un mese fa ho tolto una mega piaghetta). Ho 24 anni e
dopo un aborto spontaneo a 6 settimane avuto a dicembre non ho avuto pace. Adesso che ci hanno dato il via libera vorremo riprovarci.

Elisa Valmori
Elisa Valmori

Salve signora,
a mio avviso la gravidanza potrebbe insorgere anche durante il trattamento con ovuli di cicatridina in quanto questi ultimi sono costituiti soprattutto da acido ialuronico che è un normale componente del nostro organismo.
Tuttavia, gli ovuli contengono anche clorexidina che agisce come una sorta di disinfettante e quindi potrebbe contrastare la carica vitale degli spermatozoi, ostacolando i vostri tentativi di ricerca durante il trattamento.
Inoltre, tra i componenti abbiamo imidazolidinil urea che rilascia formaldeide, una sostanza che è stata correlata ad un maggior rischio di aborto spontaneo in caso di esposizione occupazionale.
Per questi motivi e tenendo anche conto del trauma legato all’aborto pregresso, ritengo più prudente terminare prima il trattamento con questi ovuli per poi iniziare la ricerca della gravidanza.
Ricordo infine di assumere acido folico (1 compressa al giorno da 400 microgrammi) a partire dalla ricerca della gravidanza e per tutto il primo trimestre della stessa. Se possibile, meglio assumerlo lontano da tè e latticini.
L’acido folico è di aiuto non solo a prevenire i difetti alla colonna vertebrale (ad esempio spina bifida) ma anche quelli cardiaci.
Ci auguriamo che questa volta vada tutto per il meglio: mi tenga aggiornata se desidera!

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Piccolissima che non gradisce il cambio del latte

17/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Migliori

Il sapore e la consistenza di un nuovo tipo di latte possono non essere accettati subito di buon grado dal neonato ed è per questo che è consigliabile che il cambiamento avvenga con gradualità, iniziando con una sola poppata.   »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Distacco: si deve stare a riposo assoluto?

11/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Stare a letto non solo non serve a cambiare in meglio il destino di una gravidanza ma può addirittura rivelarsi dannoso in quanto favorisce la formazione di trombi e peggiora notevolmente il tono dell'umore.   »

Fai la tua domanda agli specialisti