Padella con fiammata: c’è rischio per il feto?

Dottoressa Elisa Valmori A cura di Dottoressa Elisa Valmori Pubblicato il 24/11/2023 Aggiornato il 24/11/2023

Nessun piccolissimo incidente domestico, che oltretutto non causa alcuna conseguenza (neanche minima) sulla donna incinta, può determinare problemi al feto.

Una domanda di: Giusy
Salve sono alla 20^ settimana di gravidanza e oggi mi sono molto spaventata perché mentre cucinavo si è creata inaspettatamente una grossa
fiamma in padella e ovviamente mi sono agitata tantissimo. Inoltre la mia cucina si è riempita di fumo. Volevo sapere che questo spavento può influire sulla bambina e se il fumo può avermi fatto male?

Elisa Valmori
Elisa Valmori

Salve signora, niente paura! Né lo spavento né quel po’ di fumo che lei può aver inalato ritengo possano costituire un pericolo per la sua gravidanza.
Siamo già a metà del cammino, a breve immagino inizierà a sentire i movimenti della sua bimba e avrà quotidiana conferma che tutto sta procedendo per il meglio.
Cordialmente.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Mal di gola che ritorna dopo la cura con antibiotico

28/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

A fronte di un mal di gola che si ripresenta dopo quattro giorni dal termine della cura con antibiotico è opportuno fare un tampone per escludere la responsabilità dello streptococco.   »

PMA e perdite marrone dopo il transfer

28/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Francesco Maria Fusi

In un terzo delle gravidanze iniziate grazie alla procreazione medicalmente assistita si manifestano perdite che però non hanno significato né valore prognostico.   »

Aborto spontaneo: l’espulsione potrebbe non avvenire naturalmente?

26/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Dopo un mese da un'interruzione spontanea della gravidanza, se l'utero non si è ripulito spontaneamente, è prassi intervenire con il raschiamento. A volte, in alternativa, è possibile anche impiegare i farmaci.  »

Si può concepire di nuovo prima del capoparto?

12/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

La prima ovulazione dopo il parto può verificarsi quando ancora non si sono ripresentate le mestruazioni e questo vale anche se si allatta, quindi è possibile avviare una gravidanza prima che si manifesti il capoparto.   »

Fai la tua domanda agli specialisti