Padre 0 RH + , madre B RH +: può nascere un figlio di gruppo A?

Dottoressa Faustina Lalatta A cura di Dottoressa Faustina Lalatta Pubblicato il 18/03/2023 Aggiornato il 18/03/2023

Il gruppo sanguigno è geneticamente determinato, si eredita al momento del concepimento ed è definito da entrambi i genitori.

Una domanda di: Daniela
Buongiorno vorrei un chiarimento. Padre 0 Rh + con madre B Rh + può nascere un figlio/a solo 0 o B. Giusto?
Faustina Lalatta
Faustina Lalatta

Gentile Daniela, faccio una premessa: il gruppo sanguigno è una delle numerose caratteristiche genetiche di ogni individuo e viene descritto con lettere e segni a seconda della presenza o assenza di particolari proteine (antigeni) sulla superficie dei globuli rossi. Questi antigeni possono essere anche altre molecole oltre le proteine, ad esempio carboidrati, glicoproteine o glicolipidi, pertanto il gruppo sanguigno o meglio ancora la classificazione degli antigeni del sangue e dei tessuti include molte diverse sigle che vengono sempre analizzate per i trapianti. Il sistema più comunemente usato, perché collegato alla possibilità o meno di trasfondere un soggetto con un determinato sangue di donatore è il sistema ABO sempre associato al sistema Rh. La caratteristica ABO è geneticamente determinata, è ereditata al concepimento e definita grazie al contributo di entrambi i genitori. Nel sistema AB0 esistono tre possibili configurazioni alternative del patrimonio genetico, di cui ogni soggetto, come per tutti i geni, porta due distinti alleli, uno di eredità paterna e l’altro di eredità materna. Gli alleli A e B sono codominanti, quindi, se presenti sul globulo rosso, si esprimono sempre; l’allele 0 è recessivo. Questo significa che per avere il gruppo zero i due alleli devono essere 0 (00). Riassumendo quindi: un soggetto 0 ha sempre due alleli 0 (00) e trasmetterà sempre un allele 0 alla prole. Un soggetto A può avere due alleli A (AA) oppure un allele A e uno 0 (A0). In entrambi i casi il suo gruppo visibile sarà solo A ma se possiede un allele 0 lo può trasmettere e, in caso di partner 00, può avere un figlio 0 (00). Analogamente, un soggetto B può avere due alleli B (BB) oppure un allele B e uno 0 (B0). In entrambi i casi il suo gruppo sarà visibile come B ma se possiede un allele 0 lo può trasmettere e, in caso di partner 0, può avere un figlio 0 (00). Un soggetto AB (rari ma ci sono) può trasmettere o A o B e non può avere figli 00. Venendo alla sua domanda, la risposta è affermativa. Da un padre 0 (che può essere solo 00) e una madre B (che può essere BB oppure B0) può nascere sia un figlio B (in realtà sarà un B0) oppure un figlio 0 (00). Non può nascere un figlio che possieda l’allele A. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Placenta bassa in 16^ settimana: si può prendere l’aereo?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una sospetta inserzione bassa della placenta va confermata con l’ecografia transvaginale a partire dalla 20^ settimana, quindi circa un mese prima di questa data è prematuro diagnosticarla: proprio per questo un viaggio in aereo si può affrontare senza rischi.   »

Dopo tre cesarei si può partorire naturalmente?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Al travaglio di prova dopo un parto cesareo, noto con l'acronimo TOLAC dall'inglese trial of labour after cesarean, possono essere ammesse solo le mamme che abbiano già affrontato l'intervento solo una, massimo due volte.   »

Manovre effettuate durante l’ecografia: possono causare danno al feto?

04/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giovanni Battista Nardelli

Nessuna delle manovre manuali esterne effettuate dal medico per poter svolgere l'ecografia nel migliore dei modi può esporre il feto a rischi.   »

Bimbo di 4 anni con una tosse che non passa nonostante l’antibiotico

02/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

È un'eventualità frequente che i bambini della scuola materna passino più tempo a tossire che il contrario. Posto questo, l’antibiotico andrebbe usato quanto la tosse con catarro persiste per più di un mese senza tendenza alla remissione.  »

Fai la tua domanda agli specialisti