Pancione e paura di essere stata contagiata dalla varicella

Dottor Claudio Ivan Brambilla A cura di Dottor Claudio Ivan Brambilla Pubblicato il 03/09/2018 Aggiornato il 03/09/2018

Contrarre la varicella in seguito a un contato fuggevole con un bambino vaccinato è altamente improbabile.

Una domanda di: Aida
Vorrei togliermi un pensiero: oggi ho baciato una bambina sulla testa e sua mamma dopo mi ha detto che ha fatto il vaccino della varicella non ricordo con quali altri insieme , io sto provando ad avere una gravidanza , ma tra nove giorni saprò se sono in attesa o no…. dovrei aspettare il giorno di ritardo per poter effettuare il test …. mi crea qualche problema questo tipo di contatto? In futuro come dovrò comportarmi?
Claudio Ivan Brambilla
Claudio Ivan Brambilla

Gentile lettrice,
effettuare il vaccino non significa contrarre la malattia, quindi credo proprio che possa stare tranquilla. In più, da quello che descrive mi sembra che il contatto non sia stato così stretto (né con la saliva né con altre secrezioni). In più, magari lei è immune perché ha contratto la varicella da bambina. Tenga presente che i vaccini vengono fatti non solo per proteggere il singolo bambino ma anche per tutelare coloro che non sono vaccinati. Per il resto, a parte questo episodio specifico, per tutta la durata della gravidanza è sempre bene evitare di essere contagiate da malattie infettive (compreso il raffreddore), per cui è prudente non avere rapporti troppo stretti con bambini o adulti che ne sono visibilmente colpiti. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Continue infezioni delle vie urinarie: che fare?

27/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Nel caso in cui si vada incontro a numerose infezioni delle vie urinarie diventa necessario rivolgersi a uno specialista in urologia o uro-ginecologia per farsi indicare il percorso terapeutico più efficace e, quindi, risolutivo.   »

Tutti figli maschi: casualità o genetica?

24/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Paolo Gasparini

Ogni fecondazione costituisce una storia a sé e ogni volta si hanno le stesse probabilità di concepire un maschio o una bambina. È, dunque, sempre il caso a "tirare i dadi".  »

Concepimento: dopo due mesi non si è ancora verificato, c’è da preoccuparsi?

16/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Non fa bene alla fertilità di coppia farsi prendere dall'ansia del risultato immediatamente dopo aver deciso di avere un figlio. Non è, infatti, automatico che la gravidanza inizi quando viene decisa, ma questo non è affatto preoccupante.  »

Fai la tua domanda agli specialisti