Pancione (un po’) scottato dal sole

Dottor Claudio Ivan Brambilla A cura di Dottor Claudio Ivan Brambilla Pubblicato il 14/08/2018 Aggiornato il 14/08/2018

In qualunque periodo della vita, quindi anche al di fuori della gravidanza, è prudente esporsi al sole attenendosi alle regole che evitano di scottarsi.

Una domanda di: Anna
Salve dottor Brambilla, dovrei partorire il 4 settembre. Oggi andando in piscina ho preso una scottatura anche un po’ sulla pancia! Mi devo preoccupare per la mia bimba!?
Claudio Ivan Brambilla
Claudio Ivan Brambilla

Gentile signora,
non si preoccupi per la sua bambina: è riparata dalla sua cute, dalla parete dell’utero, dal liquido amniotico. Premesso questo, anche al di fuori della gravidanza è più che opportuno esporsi al sole con prudenza adottando tutte le precauzioni utili per non ustionarsi, prima tra tutte applicare sulla pelle uno strato generoso di una crema solare protettiva. E’ bene inoltre non esagerare con i tempi di esposizione. Entrambe le regole vagono soprattutto per chi ha la pelle particolarmente chiara. Comprendo però che in questi giorni di caldo e ormai verso il termine della gravidanza la tentazione di trascorrere una giornata in piscina sia forte: non deve rinunciarci solo adottare maggiori cautele. Le faccio tantissimi auguri per l’imminente arrivo della sua piccina. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Tutti figli maschi: casualità o genetica?

24/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Paolo Gasparini

Ogni fecondazione costituisce una storia a sé e ogni volta si hanno le stesse probabilità di concepire un maschio o una bambina. È, dunque, sempre il caso a "tirare i dadi".  »

Concepimento: dopo due mesi non si è ancora verificato, c’è da preoccuparsi?

16/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Non fa bene alla fertilità di coppia farsi prendere dall'ansia del risultato immediatamente dopo aver deciso di avere un figlio. Non è, infatti, automatico che la gravidanza inizi quando viene decisa, ma questo non è affatto preoccupante.  »

Distacco amniocoriale che non si riassorbe con il passare delle settimane

14/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In presenza di un distacco amniocoriale che non si risolve non serve intensificare i controlli, mentre sono utili il riposo e un'alimentazione che favorisca l'attività dell'intestino, perché la stipsi può favorire la comparsa prematura di contrazioni uterine.   »

Fai la tua domanda agli specialisti