Pap test: come interpretare l’esito?

Dottoressa Elisa Valmori A cura di Dottoressa Elisa Valmori Pubblicato il 22/05/2018 Aggiornato il 07/08/2018

Se dal pap test emerge la presenza di un'alterazione è opportuno effettuare indagini di approfondimento. Questo non significa che ci sia da allarmarsi.

Una domanda di: Anita
Sono la mamma di una ragazza di 19 anni che ha fatto il suo primo pap test. Ecco cosa c’è scritto nel referto: LSIL: lesione intraepiteliale squamosa basso grado. Alcune cellule epiteliali squamose sede di effetti citopatici da virus HPV). Si consiglia HPV dna test. Sono davvero preoccupata: perché è stata consigliata un’altra indagine? Sono molto preoccupata. Grazie per la spiegazione.

Elisa Valmori
Elisa Valmori

Salve signora mamma, la prego di non preoccuparsi per sua figlia! Il pap test è un esame di prevenzione ed è fatto per cercare il tumore del collo dell’utero quando ancora è nelle sue primissime fasi di sviluppo. Nel caso di sua figlia abbiamo una lesione intraepiteliale di basso grado che ci testimonia la pregressa infezione da parte del Papillomavirus. Siccome esistono vari tipi di questo virus che hanno diversa capacità di indurre il tumore nelle nostre cellule, viene suggerito l’HPV dna test. Questo test serve per individuare il tipo di virus che ha causato l’infezione (alto o basso rischio oncogeno ossia, rispettivamente, maggiore o minore capacità di indurre il tumore nelle nostre cellule da parte del Papillomavirus o HPV).
Questo test è importante, ma in presenza di LSIL andrebbe comunque effettuata una colposcopia ossia un esame ginecologico in cui si osserva il collo uterino mediante una specie di lente d’ingrandimento e si effettuano delle particolari colorazioni per eseguire dei piccoli prelievi di tessuto nelle aree che abbiano caratteristiche “sospette”.
In base al risultato di queste piccole biopsie è possibile interpretare meglio il risultato del Pap test, che è un esame importante ma comunque limitato dal prelievo alla cieca di cellule che poi risultano in ordine sparso, a differenza della biopsia che invece mantiene integro il tessuto e ci permette di localizzare meglio la malattia e l’eventuale estensione di questa nell’epitelio del collo dell’utero. Spero di esserle stata d’aiuto, a disposizione se desidera per ulteriori chiarimenti, cordialmente.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

A due anni perché non parla ancora?

12/08/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Daniela Biatta

Fino ai tre anni di età, una volta esclusi deficit di qualsiasi natura, si può ipotizzare la non grave condizione di "parlatore tardivo"  »

Gravidanza e paura di effettuare il tampone vaginale

10/08/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Durante i nove mesi di gestazione, effettuare il tampone vaginale non espone ad alcun rischio, quindi può essere affrontato in assoluta tranquillità.   »

Bimba di due anni problematica: ma lo è davvero?

27/07/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Ci sono casi in cui non è il bambino a essere particolarmente difficile da gestine, ma i genitori a nutrire aspettative sul suo comprotamento che lui, per via della sua età, non può (ancora) soddisfare.  »

Fai la tua domanda agli specialisti