Pappa e proteine

Dottoressa Lisa Mariotti A cura di Dottoressa Lisa Mariotti Pubblicato il 08/12/2020 Aggiornato il 08/12/2020

E' opportuno non offrire troppe proteine ai bambini perché è dimostrato che un loro eventuale consumo eccessivo in età infantile aumenta il rischio di obesità nelel fasi successive della vita.

Una domanda di: Serena
Sto svezzando la mia bambina di un anno a cui fino a ora non ho mai proposto cereali ma solo pastina e carne o pesce e verdure. So che troppe proteine a questa età vanno evitate. Come è giusto comporre il piatto perché sia bilanciato quando le preparo miglio, quinoa, avena? È giusto aggiungere
altre proteine come legumi o carne? Mi sembra che già questi cereali li
contengano. Grazie.
Lisa Mariotti
Lisa Mariotti

Gentile mamma,
durante il divezzamento l’alimentazione del piccolo deve avere un profilo nutrizionale bilanciato.
E’ importante comunque non eccedere con le proteine in questa fase delle crescita perchè, come dimostrato da molti recenti studi, un eccesso nei primi anni di vita può comportare un aumentato rischio di sviluppare obesità più avanti. A questo proposito, il suggerimento ormai più diffuso è quello di non includere più fonti proteiche (carne, pesce, uova, formaggi e legumi) nello stesso pasto e quindi non aggiungere formaggio grattugiato in pappe contenenti altri alimenti proteici.
Esistono alcuni cereali che hanno un contenuto proteico lievemente superiore ad altri. Vengono comunque considerati come fonte di carboidrati e per questo devono essere associati alla opportuna proteina. Un buon consiglio è quello di associarli alla fonte proteica dei legumi che, rispecchiando il concetto di complementarietà, permettono di ottimizzare il profilo nutrizionale del pasto. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Placenta bassa in 16^ settimana: si può prendere l’aereo?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una sospetta inserzione bassa della placenta va confermata con l’ecografia transvaginale a partire dalla 20^ settimana, quindi circa un mese prima di questa data è prematuro diagnosticarla: proprio per questo un viaggio in aereo si può affrontare senza rischi.   »

Dopo tre cesarei si può partorire naturalmente?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Al travaglio di prova dopo un parto cesareo, noto con l'acronimo TOLAC dall'inglese trial of labour after cesarean, possono essere ammesse solo le mamme che abbiano già affrontato l'intervento solo una, massimo due volte.   »

Manovre effettuate durante l’ecografia: possono causare danno al feto?

04/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giovanni Battista Nardelli

Nessuna delle manovre manuali esterne effettuate dal medico per poter svolgere l'ecografia nel migliore dei modi può esporre il feto a rischi.   »

Bimbo di 4 anni con una tosse che non passa nonostante l’antibiotico

02/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

È un'eventualità frequente che i bambini della scuola materna passino più tempo a tossire che il contrario. Posto questo, l’antibiotico andrebbe usato quanto la tosse con catarro persiste per più di un mese senza tendenza alla remissione.  »

Fai la tua domanda agli specialisti