Parotite in una bimba di 5 anni vaccinata: com’è possibile?

Professor Giorgio Longo A cura di Professor Giorgio Longo Pubblicato il 28/03/2022 Aggiornato il 01/04/2022

Posto che è possibile che un bambino, pur vaccinato (soprattutto se solo con la prima dose), contragga gli orecchioni, si può escludere che si tratti proprio di questo disturbo se i sintomi persistono per settimane.

Una domanda di: Chiara
Buongiorno, volevo porvi questa domanda per capire se è molto comune avere questo problema. La bimba ha 5 anni, in regola con tutti i vaccini, e le è stata diagnosticata una parotite, cosa mi dicono alquanto strana essendo vaccinata. È da 4 settimana che è posta sotto antibiotici e antidolorifici, ma sono preoccupata in quanto i vari specialisti che ho visto non si spiegano come sia possibile tutto ciò.
Giorgio Longo
Giorgio Longo

Cara signora, certamente la parotite virale (gli “orecchioni” come comunemente viene chiamata) può colpire anche bambini già vaccinati. Tra l’altro non so se sua figlia, a 5 anni, ha già fatto il secondo richiamo che induce una immunità più robusta, che poi dura tutta la vita. Le ricordo però che oggi, in un mondo di tutti vaccinati, in virtù della “immunità di gregge”, anche chi non avesse fatto il vaccino ha una bassissima probabilità di essere infettato. Detto questo, non mi pare proprio che il problema di sua figlia possa essere riportato ad una banale “parotite virale”. Questo perché nessuna parotite virale avrebbe un decorso così lungo, né richiederebbe un trattamento antibiotico e/o l’interesse e l’impegno di “vari specialisti”, immagino, pediatri, otorini e stomatologi. In altre parole, la parotite di sua figlia è dovuta a una infezione batterica, non virale, della ghiandola. Purtroppo le devo anche dire che la parotidite batterica (così si chiama), condizione non certo frequente, può ripetersi, sempre monolaterale, più volte nello stesso bambino, per poi passare spontaneamente con l’avanzare dell’età. La causa dell’infezione va riportata ad una scorretta risalita di germi lungo il canale che collega la cavità orale con la ghiandola salivare. L’esatto motivo perché questo succeda rimane perlopiù incompreso. Sono state fatte varie ipotesi (da un cattivo deflusso della saliva per qualche intoppo lungo il condotto salivare per un micro calcolo; a una alterazione acquisita o congenita della parete del condotto) ma con scarsa probabilità di una precisa definizione e di un efficace trattamento risolutivo. Di questa possibilità le ho parlato perché, nel caso, il saperlo deve indurre a iniziare tempestivamente la terapia antibiotica che permette di bloccare e far regredire l’infezione in pochi giorni. Ma forse è inopportuno che le racconti queste cose, vedrà che in breve la bambina guarirà e non è affatto detto che debba ricadere. Stia tranquilla, è certamente in buone mani.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Distacco amniocoriale: tanti dubbi dopo la diagnosi.

23/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Il distacco tra le due strutture che costituiscono la placenta, il sacco amniotico e il sacco coriale ("guscio" della camera gestazionale), non coincide con il distacco della placenta, molto più grave.   »

Quali regole per prevenire la toxoplasmosi?

19/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Le regole che consentono di evitare il contagio da parte del Toxoplasma sono semplicissime ed efficaci.   »

Bimbo di sette mesi con un “buchetto” sopra il sederino: è preoccupante?

16/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

La presenza di una fossetta sacro-coccigea a fondo cieco, se non è associata ad altri segnali che possano far pensare a un problema della colonna vertebrale, non è significativa.   »

Fai la tua domanda agli specialisti