Partorire per via vaginale dopo due cesarei si può?

Professoressa Anna Maria Marconi A cura di Professoressa Anna Maria Marconi Pubblicato il 22/12/2020 Aggiornato il 22/12/2020

E' raro che sia possibile affrontare un parto naturale dopo due cesarei, in ogni caso la decisione spetta al ginecologo curante.

Una domanda di: Monia
Sono alla mia terza gravidanza a distanza di anni dalla seconda, per le prime due distanti solo 18 mesi sono stata costretta a ricorrere al cesareo perché la mia prima bimba era podalica ed ho avuto un un importante distacco di placenta con rischio di parto prematuro. Sono alle 34esima settimana di gravidanza e vorrei sapere se è possibile tentare un parto naturale visto che la gravidanza è andata una meraviglia ed è tutto perfettamente a posto, la mia bimba è in posizione già da un mese, la ginecologa me lo sconsiglia visto il precedente distacco e perché la placenta è posteriore, vorrei un ulteriore parere perché non capisco l’incidenza della posteriorità della placenta. Sono anche un’asmatica grave e da circa un anno circa ho avuto un aggravamento e un questo momento non ho il controllo totale della mia asma. La bimba si stima che nascerà attorno ai
3 kg e 600 gr è ed abbastanza lunga.
Grazie.
Anna Maria Marconi
Anna Maria Marconi

Gentile signora, dopo due tagli cesarei la possibilità di partorire per via vaginale è piuttosto bassa e presenta un rischio aumentato di rottura d’utero in travaglio, circa del 2 per cento. Naturalmente c’è tutta una serie di elementi da prendere in considerazione che sicuramente conosce meglio la ginecologa che la sta seguendo. Per cui il mio consiglio è di affidarsi a lei che, conoscendo quali sono i suoi desideri ma anche i rischi legati alla sua situazione, le darà il consiglio migliore. Di certo, credo che nessun medico possa esprimere un parere diverso da quello della ginecologa che la sta seguendo e che, come nessun altro, sa cosa è più giusto per lei. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Vaccino anti-Coronavirus: è davvero una fake-news che causi infertilità?

13/01/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Luca Cegolon, MD, MSc, DTM&H, PhD

Nel Web circolano bufale a volte così ben confenzionate da diventare credibili anche per persone competenti. Documentarsi sempre in modo meticoloso, prima di dare credito a ipotesi che mettono in discussione le scelte delle autorità sanitarie è quanto di meglio si possa fare per non cadere nelle tante...  »

Bimba di (quasi) tre anni che ripete frasi e parole

11/01/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'ecolalia potrebbe costituire un segnale d'allarme qualora si associasse ad altri comportamenti anomali. Altrimenti è solo una delle modalità per apprendere e consolidare il linguaggio.   »

Sentimenti contrapposti verso il nuovo papà

03/01/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Quando entra una nuova figura maschile nella vita di un bambino piccolo, può accadere che si instauri una relazione in cui non tutto fila sempre liscio. Ma del resto può succedere anche con il papà biologico.   »

Fai la tua domanda agli specialisti