Partorire per via vaginale dopo due cesarei si può?

Professoressa Anna Maria Marconi A cura di Professoressa Anna Maria Marconi Pubblicato il 22/12/2020 Aggiornato il 22/12/2020

E' raro che sia possibile affrontare un parto naturale dopo due cesarei, in ogni caso la decisione spetta al ginecologo curante.

Una domanda di: Monia
Sono alla mia terza gravidanza a distanza di anni dalla seconda, per le prime due distanti solo 18 mesi sono stata costretta a ricorrere al cesareo perché la mia prima bimba era podalica ed ho avuto un un importante distacco di placenta con rischio di parto prematuro. Sono alle 34esima settimana di gravidanza e vorrei sapere se è possibile tentare un parto naturale visto che la gravidanza è andata una meraviglia ed è tutto perfettamente a posto, la mia bimba è in posizione già da un mese, la ginecologa me lo sconsiglia visto il precedente distacco e perché la placenta è posteriore, vorrei un ulteriore parere perché non capisco l’incidenza della posteriorità della placenta. Sono anche un’asmatica grave e da circa un anno circa ho avuto un aggravamento e un questo momento non ho il controllo totale della mia asma. La bimba si stima che nascerà attorno ai
3 kg e 600 gr è ed abbastanza lunga.
Grazie.
Anna Maria Marconi
Anna Maria Marconi

Gentile signora, dopo due tagli cesarei la possibilità di partorire per via vaginale è piuttosto bassa e presenta un rischio aumentato di rottura d’utero in travaglio, circa del 2 per cento. Naturalmente c’è tutta una serie di elementi da prendere in considerazione che sicuramente conosce meglio la ginecologa che la sta seguendo. Per cui il mio consiglio è di affidarsi a lei che, conoscendo quali sono i suoi desideri ma anche i rischi legati alla sua situazione, le darà il consiglio migliore. Di certo, credo che nessun medico possa esprimere un parere diverso da quello della ginecologa che la sta seguendo e che, come nessun altro, sa cosa è più giusto per lei. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Gravidanza: quando conviene annunciarla a parenti e amici?

26/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Non c'è una regola che stabilisce quando è opportuno comunicare a tutti che si è in attesa di un bambino. Il momento in cui farlo dipende da una scelta personalissima che ogni coppia deve fare in base al proprio sentire.  »

Neo sospetto: meglio toglierlo subito o basta tenerlo sotto controllo?

23/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

Un neo dall'aspetto poco rassicurante va asportato allo scopo di comprenderne, attraverso l'esame istologico, la natura. Non è però necessario procedere tempestivamente, ma è possibile attendere fino a sei mesi (non di più!) per farne ricontrollare l'evoluzione.   »

Bimbo che rifiuta pranzi e cene (ma come dargli torto?)

20/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Se a un bambino vengono sistematicamente proposti primi e pietanze poco allettanti, costituiti da un insieme di alimenti che, mescolati insieme, perdono sapore si deve mettere in preventivo che a un certo punto si rifiuti di inghiottirli.   »

Fai la tua domanda agli specialisti