Paura della listeriosi dopo aver mangiato un formaggio

Dottor Antonio Clavenna A cura di Dottor Antonio Clavenna Pubblicato il 12/02/2022 Aggiornato il 22/06/2023

E' necessario valutare con l'aiuto del ginecologo se la comparsa di una forte nausa possa essere o no dovuta a un'infezione causata dal batterio listeria monocytogenes.

Una domanda di: Lena
Salve, una settimana fa, ovvero due giorni prima di scoprire di essere incinta ho mangiato del gorgonzola (tra l’altro di una marca che ho scoperto essere stata in passato tolta dal mercato proprio per rischio listeria). Non ho avuto alcun sintomo, tranne una forte nausea che nonostante la gravidanza non ho regolarmente. Penso di andare a fare le dovute analisi il prima possibile, ma tra i miei dubbi ho il seguente: poiché ho letto che talvolta il periodo di incubazione può arrivare anche a 70 giorni, in tal caso, il batterio risulterebbe dalle analisi? Grazie.
Antonio Clavenna
Antonio Clavenna

Gentile Lena, la valutazione riguardo agli eventuali esami da effettuare deve essere valutata dal medico curante o dal ginecologo/dalla ginecologa. Il periodo di incubazione della malattia può arrivare fino a 70 giorni, ma si tratta di un’eventualità poco frequente. Nella maggior parte dei casi varia tra 1 e 4 settimane. Il medico saprà valutare se la nausea di cui ha sofferto possa essere un sintomo compatibile con un’infezione da listeria. Cordiali saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

DNA fetale o amniocentesi a 42 anni?

20/09/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Faustina Lalatta

Le linee guida europee, seguite anche in Italia, sono chiare: prima di pensare al DNA fetale o all'amniocentesi è indicato (e importantissimo) sottoporsi al test combinato o Bi-test.  »

Ipercheratosi emersa dal pap test

11/09/2023 Gli Specialisti Rispondono di Augusto Enrico Semprini

L'ipercheratosi è l'aumento della componente cheratinica della parete cellulare. Se viene evidenziata dal pap test richiede di ripetere l'indagine dopo sei mesi.  »

Tosse terribile, che nessun farmaco lenisce, in un bimbo di 5 anni

16/08/2023 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

La scuola di Trieste ha descritto ed etichettato più di vent'anni fa una manifestazione tipica dell'età pediatrica, fino ad allora non catalogata e poi battezzato con l'acronimo SIRT, che sta per Sindrome da Ipersensibilità dei Recettori della Tosse. Si tratta di un disturbo che oggettivamente dà tanta...  »

Fai la tua domanda agli specialisti