Paura di essere incinta a 46 anni

Dottor Claudio Ivan Brambilla A cura di Dottor Claudio Ivan Brambilla Pubblicato il 23/07/2021 Aggiornato il 23/07/2021

L'eventualità di aver dato inizio a una gravidanza a 46 è remota: per sapere se è accaduto basta fare lo specifico test.

Una domanda di: Ilaria
Sono una donna di 46 anni e per 4/5 anni ho sempre
assunto in modo perfetto la pillola Minulet, dopo l’ultimo controllo la mia
ginecologa mi ha trovata un po’ gonfia (peso 71 kg e sono alta 1 metro e
68) e mi ha prescritto la pillola yasminelle con estrogeni più bassi e un
progestinico diverso. Mi ha detto di fare la consueta pausa di 7 giorni e l’ottavo cominciare la nuova, assicurandomi di essere protetta da gravidanza
nonostante fosse più leggera. Ora il giorno 30 giugno ho avuto il ciclo da
sospensione ed il 29 giugno un rapporto non protetto. Venerdì 2 luglio ho
avuto episodi di diarrea ed anche sabato mattina 3 luglio. La sera del
sabato 3 luglio ho cominciato la nuova pillola come d’accordo con la
ginecologa, la diarrea si è protratta per quasi una settimana ma sempre
oltre 8 ore dall’assunzione serale della pillola. Il giorno 6 luglio il mio
medico curante mi ha prescritto una cura di fermenti e rifacol per circa 6 giorni
in quanto con le feci usciva tantissimo sangue. A tutt’oggi non ho avuto
rapporti, l’ultimo è quello del 29 giugno, perché in caso di disturbi
intestinali e in caso di antibiotici io pratico castità rigorosa. Oggi
pomeriggio 16 luglio in seguito a crampi, pulendomi dopo aver urinato noto
un leggero spotting marrone scuro. Ora sono nel panico più totale, possono
essere perdite da impianto o magari la pillola più bassa mi provoca
spotting, oppure l’uso del rifacol ha provocato spotting? Ho il terrore che
il rapporto del 29 giugno possa non essere stato protetto…ma io non potevo
sapere che da lì a qualche giorno si sarebbe scatenato l’inferno nel mio
intestino! Ho l’immensa paura che mi si possa essere riattivata
l’ovulazione e che il liquido seminale del 29 giugno abbia trovato terreno
fertile nonostante ciclo e pillola. La ringrazio per la sua attenzione e le
chiedo scusa per essere stata così prolissa. Non vedo l’ora di entrare
in menopausa per poter vivere la sessualità in modo un po’ più sereno.

Claudio Ivan Brambilla
Claudio Ivan Brambilla

Gentile signora,
la pillola le è stata prescritta per favorire un migliore passaggio dalla vita fertile alla menopausa. Mi sentirei di escludere che lei possa essere incinta e che lo spotting sia in relazione con l’impianto dell’embrione, anche se la certezza la può fornire solo il test di gravidanza. In generale, è più probabile che lo spotting sia dovuto al contraccettivo. Per quanto riguarda il gonfiore, la sua ginecologa di certo ha avuto modo di rilevarlo visitandola, comunque per controllarlo direi che sarebbe opportuno recuperare il suo peso ideale che è circa 5-8 chili in meno rispetto al suo peso attuale. Per questo servono sia un’alimentazione sana e ragionevolmente calorica sia l’esercizio fisico regolare. In relazione al sanguinamento durante l’evacuazione spero si sia risolto: se così non fosse le consiglio di consultare nuovamente il suo medico. Cari saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Vaccino anti-CoVid-19: non è vero che ostacola la fertilità. Anzi.

21/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professor Matteo Bassetti

Non ci sono dati che autorizzino a sostenere che la vaccinazione contro l'infezione da Sars-CoV-2 interferisca sulla fertilità.   »

Fontanella anteriore chiusa in una bimba di 4 mesi: è preoccupante?

20/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Carlo Efisio Marras

Se l'accrescimento della circonferenza cranica è regolare e se lo sviluppo neuropsicologico è adeguato all'età, la chiusura precoce della fontanella non deve destare alcuna preoccupazione.   »

Come togliere il seno a un bimbo di 18 mesi (difficile da gestire)?

15/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Banale eppure risolutivo: per smettere di allattare, quando diventa un peso insostenibile, basta non offrire più il seno e passare alla tazza.   »

Bimbo di 4 mesi con fossette nella piega interglutea: c’è da preoccuparsi?

12/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

E' davvero raro che una piccola anomalia in prossimità dell'ano che vari specialisti hanno considerao priva di significato dal punto di vista medico possa essere la spia di spina bifida.   »

Bimbo con dolore forte al lato sinistro dell’addome

05/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Annamaria Staiano

La causa più frequente di un dolore intenso nella parte alta e sinistra dell'addome è quella che i pediatri americani definiscono "stitichezza occulta".  »

Camera gestazionale piccola: c’è da preoccuparsi?

16/08/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se le dimensioni dell'embrione sono giuste per l'epoca, possono non essere significative quelle della camera gestazionale.  »

Fai la tua domanda agli specialisti