Paura di essere incinta nonostante la pillola e in assenza di rapporti completi

Dottor Claudio Ivan Brambilla A cura di Dottor Claudio Ivan Brambilla Pubblicato il 19/08/2022 Aggiornato il 19/08/2022

Un timore che, razionalmente, si sa infondato ma che nonostante questo genera forte ansia può essere il segnale di un disagio psicoemotivo su cui può essere opportuno indagare.

Una domanda di: Alba
Salve, volevo esporli il mio problema.
Ho avuto un rapporto non protetto e non completo, il mio compagno mi dice di non essere venuto.
Io prendo la pillola yaz da più di un anno. L’altra domenica lo abbiamo fatto, lui mi dice di non essermi venuto dentro io avevo preso la pillola
correttamente, ma ho ansia che posso essere incinta comunque (probabilmente la mia ansia ingiustificata) e volevo sapere quando può essere possibile fare un test di
gravidanza.
Claudio Ivan Brambilla
Claudio Ivan Brambilla

Gentile signora,
la pillola contraccettiva si assume proprio per avere una vita sessuale serena e gioiosa. Impiegarla e poi usare il coito interrotto ha molto poco
senso e fa venire meno una delle ragioni per le quali si sceglie questo tipo di contraccezione. Lei ha avuto un rapporto non completo MA PROTETTO perché appunto sta prendendo la pillola. La paura di essere incinta, nonostante l’assunzione corretta della pillola e nonostante l’assenza di eiaculazione durante il rapporto, è il segnale franco di un
disagio su cui varrebbe la pena di indagare. Certo che la sua ansia è ingiustificata (come lei stessa ammette), ma non la trascurerei perché può essere il preludio o già il sintomo di un disturbo dell’umore. Ne parli con il suo medico di famiglia che saprà indirizzarla per il meglio verso un’eventuale psicoterapia. Comunque sia, per togliersi il dubbio (infondato ma non per questo meno subdolo) di essere incinta faccia il test di gravidanza a 15 giorni dal rapporto sessuale che ha riferito.
Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimbo che rifiuta la mamma

03/10/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Non basta aver messo al mondo un bambino per diventare la figura di riferimento che predilige. Se sono altre persone a prendersene cura, non stupisce che le preferisca alla mamma.   »

Perdite di sangue nel primo trimestre: cosa può essere?

27/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una volta escluso, grazie all'ecografia, che il sanguinamento sia dovuto a un distacco o ad altre complicazioni, occorre capire se la causa potrebbe essere un'infezione.   »

Gravidanza: quando conviene annunciarla a parenti e amici?

26/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Non c'è una regola che stabilisce quando è opportuno comunicare a tutti che si è in attesa di un bambino. Il momento in cui farlo dipende da una scelta personalissima che ogni coppia deve fare in base al proprio sentire.  »

Fai la tua domanda agli specialisti