Paura dopo l’ecografia per la dimensione della camera gestazionale

Professor Giovanni Battista Nardelli A cura di Professor Giovanni Battista Nardelli Pubblicato il 04/07/2022 Aggiornato il 04/07/2022

Non si può valutare l'esame ecografico attraverso un unico "fermo immagine" perché è facile trarre conclusioni sbagliate circa le caratteristiche del feto e dei suoi annessi.

Una domanda di: Ambra
In seguito ad alcune perdite ematiche che non sembravano voler terminare, mi sono recata in pronto soccorso due volte (mercoledì e oggi). Le perdite sembrano essere fisiologiche, al momento mi è stato comunque prescritto riposo e progesterone; tuttavia la camera gestazionale è stata vista come troppo piccola per l’embrione che ormai è di 1cm (sono stata datata 7+2 anche se l’ultima mestruazione è dell’8 Maggio). L’embrione ha battito regolare, è cresciuto rispetto a mercoledì dove era di 7mm. Come mai la camera non è cresciuta? Vado incontro ad un aborto o posso stare serena? Allego immagine ecografica odierna. Grazie infinite.
Giovanni Battista Nardelli
Giovanni Battista Nardelli

Gentilissima signora Ambra, le dimensioni della lunghezza cefalo podalica dell’embrione sono il parametro più importante per stabilire la datazione della gravidanza e, assieme al battitocardiaco fetale, il benessere dell’embrione. Premesso questo l’immagine ecografica allegata, che ritrae la lunghezza massima dell’embrione non corrisponde alla grandezza massima della camera ma semplicemente perché l’operatore che ha scattato la foto aveva bisogno di misurare l’embrione e non la camera. Consideri che della grandezza a noi nota ci risulta soltanto uno spicchio oppure metà oppure per intera a seconda della proiezione di osservazione. L’operatore ha valutato centinaia di immagini ma a lei ne ha dato solo alcune. Su questi dati ci sono gli estremi per poterle dire di stare tranquilla. La crescita e il benessere dell’embrione si definiscono anche tramite il dosaggio ormonale delle beta-hCG. Il parametro ecografico va confortato con il dosaggio delle beta HCG. Infine se vuole completare l’informazione può fare il test sul sangue materno del DNA fetale e questo lo può fare intorno a 10 settimane. Ne può parlare con il suo ginecologo. Molto cordialmente.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Assorbenti interni: li può usare una ragazzina di 11 anni?

16/08/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Sara De Carolis

Non ci sono controindicazioni mediche all'uso degli assorbenti interni fin dalla prima adolescenza. Va tenuto presente, però, che per applicarli correttamente la ragazzina deve imparare a conoscere bene la propria anatomia.   »

Bimbo di tre anni che dà testate e pizzicotti quando è contento

15/08/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Ci sono gesti che compie il bambino che è opportuno impedire: per farlo occorrono toni e atteggiamenti di affettuosa determinazione.   »

Lo zucchero è vietato in assoluto ai bambini?

14/08/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Alimenti e bevande contenenti lo zucchero che si usa normalmente in cucina a scopo dolcificante non sono vietati in assoluto, ma non è certo opportuno concederli ogni giorno. In un'ottica di dieta sana devono essere introdotti solo occasionalmente (e questo vale anche per gli adulti).   »

Fai la tua domanda agli specialisti