Paura per aver usato una tinta per i capelli a inizio gravidanza

Dottoressa Elisa Valmori A cura di Dottoressa Elisa Valmori Pubblicato il 28/08/2018 Aggiornato il 28/08/2018

Non c'è nulla da temere ad aver impiegato una tintura per i capelli nelle prime settimane di gravidanza, perché nessuno degli ingredienti può raggiungere il bambino.

Una domanda di: Marta
Ho fatto una tinta capelli alla sesta settimana di gravidanza con un prodotto senza ammoniaca ma con queste indicazioni, sono in ansia.

Elisa Valmori
Elisa Valmori

Gentile signora, la prego: non sia in ansia e gioisca della bella novità.
Anche se gli ingredienti riportati sulla confezione della sua tinta per capelli potrebbero suonare “sinistri”, fortunatamente non verranno mai in contatto né con il suo circolo sanguigno né tanto meno con il suo bambino. In gravidanza si possono effettuare le tinte per capelli, comprese quelle contenenti ammoniaca, in quanto sono state tutte verificate come non nocive per la salute della donna (le tinte contenenti anilina sono state ritirate dal commercio ormai da tempo). Spero di averla rincuorata, ad ogni modo vedrà che in gravidanza i suoi capelli (e non soltanto quelli) saranno bellissimi.
Cordialmente.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Tutti figli maschi: casualità o genetica?

24/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Paolo Gasparini

Ogni fecondazione costituisce una storia a sé e ogni volta si hanno le stesse probabilità di concepire un maschio o una bambina. È, dunque, sempre il caso a "tirare i dadi".  »

Concepimento: dopo due mesi non si è ancora verificato, c’è da preoccuparsi?

16/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Non fa bene alla fertilità di coppia farsi prendere dall'ansia del risultato immediatamente dopo aver deciso di avere un figlio. Non è, infatti, automatico che la gravidanza inizi quando viene decisa, ma questo non è affatto preoccupante.  »

Distacco amniocoriale che non si riassorbe con il passare delle settimane

14/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In presenza di un distacco amniocoriale che non si risolve non serve intensificare i controlli, mentre sono utili il riposo e un'alimentazione che favorisca l'attività dell'intestino, perché la stipsi può favorire la comparsa prematura di contrazioni uterine.   »

Fai la tua domanda agli specialisti