Paura per gli effetti indesiderati del vaccino

A cura di Dott.ssa Elena Bozzola Pubblicato il 17/08/2020 Aggiornato il 17/08/2020

E' vero, dopo la vaccinazione può salire la febbre, ma il vantaggio di immunizzare il bambino supera di gran lunga lo svantaggio legato a questo inconveniente.

Una domanda di: Giorgia
Salve. A luglio mia figlia di 8 mesi ha fatto la seconda dose dell’esavalente + pneumococco. Dal pomeriggio stesso e per 4 giorni a seguire
febbre alta 39/40 che poco rispondeva alla Tachipirina. Il ricovero in ospedale ha escluso la concomitanza di altra sovrainfezione virale o
batterica. Ora sono preoccupata per la terza dose che dovrebbe fare a gennaio. La mia domanda è se corre qualche rischio più grave con la
prossima dose….
Elena Bozzola
Elena Bozzola

Cara lettrice,
la febbre è tra gli effetti più comuni del vaccino, ma non rappresenta un pericolo per chi viene immunizzato. Inoltre non è da escludere che la febbre sia comparsa in concomitanza del vaccino, ma che dipenda da altre cause, virali o batteriche, che non sempre vengono identificate con gli esami del laboratorio. Infatti, gli agenti infettivi responsabili in alcuni casi non vengono identificati perché, di fronte a una risoluzione rapida e spontanea della febbre, non si procede nemmeno a ricercare il germe in causa, evitando così ai bambini a tanti esami ematici. In conclusione, sottoponga tranquillamente la sua piccola alla terza dose del vaccino. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Ansia e attacchi di panico in gravidanza e lo psichiatra (incomprensibilmente) sospende i farmaci

12/08/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Non è comprensibile la ragione per la quale una donna che soffre di un disturbo ansioso con attacchi di panico dovrebbe sospendere i farmaci per il solo fatto di essere incinta, tanto più che medicinali che controllano i sintomi e sono compatibili con la gravidanza ci sono.  »

A riposo assoluto da un mese per via di uno “scollamento”

08/08/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elsa Viora

Il riposo assoluto in gravidanza è inutile e potrebbe essere dannoso, anche in caso di scollamento amnio-coriale. Molto meglio condurre una vita normale, evitando ovviamente gli strapazzi.   »

Cosa vuol dire “sopra il quinto percentile”?

04/07/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Arianna Prada

Una crescita sopra il quinto percentile rappresenta il 95% della popolazione.  »

Fai la tua domanda agli specialisti