Paura per una cura in gravidanza

Dottor Antonio Clavenna A cura di Dottor Antonio Clavenna Pubblicato il 10/01/2019 Aggiornato il 10/01/2019

Ci sono malattie croniche che impongono di continuare ad assumere i farmaci che le controllano anche durante la gravidanza, perché i rischi legati alla loro eventuale sospensione sarebbero superiori a quelli determinati dal loro impiego.

Una domanda di: Lucia
Bisogna fare attenzione o prendere delle precauzioni sul neonato dopo la nascita, dopo aver assunto in gravidanza Infliximab.? È
più delicato bisogna stare attenti se si ammala o quant’ altro? Fino a quando si può usare il medicinale in gravidanza ? A me hanno detto sino alla 24 esima settimana non oltre: è veritiera sta cosa? Scusi le tante domande ma la mia preoccupazione su questo medicinale in gravidanza è tantissima. Ho paura che succeda qualcosa…Grazie mille.
Antonio Clavenna
Antonio Clavenna

Gentile signora Lucia,
gli studi disponibili sull’uso di infliximab in gravidanza non hanno osservato un aumento dei rischi per il feto. Le malattie infiammatorie intestinali (come il morbo di Crohn) se non trattate in modo adeguato possono comportare un aumento del rischio di parto prematuro e di basso peso alla nascita e i benefici del farmaco, anche sullo sviluppo fetale, appaiono maggiori dei potenziali rischi.
Per cautela, è consigliabile sospendere la terapia, se possibile (per esempio, se la malattia è in remissione stabile) nel III trimestre di gravidanza, a partire dalla 24a-26a settimana.
I dati disponibili non indicano, però, che il farmaco se assunto in monoterapia riduca la risposta immunitaria nel neonato o che aumenti il rischio di infezioni. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimba di tre anni che fa sempre le stesse domande

26/03/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dott. Leonardo Zoccante

E' normale che un bambino di tre anni chieda e richieda spesso le stesse cose: le risposte che ottiene (e che ci devono sempre essere) gli servono per consolidare le sue conoscenze.   »

Quarto cesaeo: quali pericoli?

24/03/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Di fatto una quarta gravidanza dopo tre parti cesarei può presentare delle complicazioni che richiedono un controllo attento.   »

Incinta a 42 anni: quali rischi?

20/03/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

E' possibile che una gravidanza che inizia in età avanzata non vada a buon fine escusivamente per questioni anagrafiche, ma lo è anche che tutto proceda per il meglio.  »

Fai la tua domanda agli specialisti