Paura perché le beta-hCG non raddoppiano

Dottor Francesco Maria Fusi A cura di Dottor Francesco Maria Fusi Pubblicato il 28/10/2022 Aggiornato il 28/10/2022

La matematica non si applica alla biologia, per cui non è assolutamente detto che se le beta non raddoppiano la gravidanza non avrà un'evoluzione felice.

Una domanda di: Silvia
Salve, ho avuto l’ultima mestruazione il 16 settembre; il 15/10 le mie beta erano 314, il 17/10 erano 509 e il 19/10 erano 1047. Dopo non le ho più ripetute. Ieri 26/10 eco a 5+5 dove si è vista camera ben adesa e normale, sacco vitellino regolare, abbozzo embrionario di 1.7 mm circa e anche un iniziale BCF un po’ lento (è davvero normale come mi ha detto la ginecologa? Vorrei la verità). Ho fatto tantissime ricerche di esperienze di altre donne e mi sono accorta che quando le beta non raddoppiano perfettamente, il più delle volte la gravidanza finisce in aborto probabilmente per problemi genetici (anche a 8-10 settimane). Faccio fatica a darmi tregua per questo, non riesco a godermi la felicità del momento, la mia mente rimane ferma a quelle beta non raddoppiate la prima volta. Sono in PMA da anni e vengo da due biochimiche, ho perciò letto di tantissime esperienze in tutto questo tempo e sono abbastanza traumatizzata dagli aborti precoci che ho avuto. Ho notato che le gravidanze che finiscono a termine sono per lo più quelle dove le beta addirittura triplicano in 48 ore e spiccano il volo, cosa che le mie beta non hanno fatto. Grazie di cuore.
Francesco Maria Fusi
Francesco Maria Fusi

Gentile signora, la matematica non si applica alla biologia. Ho visto nella mia lunga esperienza gravidanze cominciare con beta perfette interrompersi e altre in cui le beta crescevano lentamente dare alla luce splendidi bambini. All’inizio, a 5 settimane, il battito è flebile, non significa nulla. Capisco la sua angoscia vista la sua storia, e so che nessuna parola le potrà evitare di essere ansiosa. Posso solo dirle che la comparsa del battito è già una prima vittoria, e che non ci sono presagi funesti. Cari saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dopo 4 maschietti arriverà la bambina?

16/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Faustina Lalatta

Non è assolutamente detto che dopo quattro figli maschi il quinto sarà una femminuccia perchè a ogni gravidanza si ripresentano le stesse probabilità di aver concepito un maschio o una bambina.   »

Placenta bassa in 16^ settimana: si può prendere l’aereo?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una sospetta inserzione bassa della placenta va confermata con l’ecografia transvaginale a partire dalla 20^ settimana, quindi circa un mese prima di questa data è prematuro diagnosticarla: proprio per questo un viaggio in aereo si può affrontare senza rischi.   »

Dopo tre cesarei si può partorire naturalmente?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Al travaglio di prova dopo un parto cesareo, noto con l'acronimo TOLAC dall'inglese trial of labour after cesarean, possono essere ammesse solo le mamme che abbiano già affrontato l'intervento solo una, massimo due volte.   »

Manovre effettuate durante l’ecografia: possono causare danno al feto?

04/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giovanni Battista Nardelli

Nessuna delle manovre manuali esterne effettuate dal medico per poter svolgere l'ecografia nel migliore dei modi può esporre il feto a rischi.   »

Bimbo di 4 anni con una tosse che non passa nonostante l’antibiotico

02/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

È un'eventualità frequente che i bambini della scuola materna passino più tempo a tossire che il contrario. Posto questo, l’antibiotico andrebbe usato quanto la tosse con catarro persiste per più di un mese senza tendenza alla remissione.  »

Fai la tua domanda agli specialisti