Aggressività bambino 2 anni

Dottoressa Paola Rolando A cura di Dottoressa Paola Rolando Pubblicato il 11/09/2014 Aggiornato il 01/08/2018

Mio figlio di due anni ha da qualche mese uno strano comportamento. Spesso, comincia a picchiare il suo pupazzo, poi lo calpesta addirittura... Risponde: Dottoressa Paola Rolando

Una domanda di: Ruggera
Salve,
mio figlio di due anni ha da qualche mese uno strano comportamento. Spesso,
comincia a picchiare il suo pupazzo, poi lo calpesta addirittura, e mentre
lo fa ci guarda perché vuole che noi gli diciamo “Ma no, cosa fai, povero
pupazzo…”. Allora tutto contento lo abbraccia e lo bacia. Da notare che
noi non adottiamo punizioni corporali nei suoi confronti…
Grazie

Gentile Signora,
da ciò che traspare dalla sua lettera, mi sembra di capire che l’aggressività del suo bambino sia limitata allo sfogo sul pupazzo e non sia né rivolta a sé stesso né ad altre persone. A questo punto, è bene premettere che un livello normale di aggressività è tipico dell’età e, a due anni, non è preoccupante perché fa parte del processo di crescita ed è un modo che il bambino adotta per far capire agli altri che lui esiste e non vuole passare inosservato. L’aggressività è un canale comunicativo che il bambino ha a disposizione, per esprimere i propri sentimenti ed è soprattutto attraverso il gioco che riesce ad esternare la rabbia, la frustrazione, la paura.
È bene anche ricordare, che a questa età il bambino impara a gestire le sue emozioni osservando coloro che lo circondano pertanto è rilevante l’atteggiamento genitoriale che, se adeguato, può attenuare l’aggressività ed insegnare al bambino a gestirla al meglio. Pertanto, voi genitori potete aiutare il vostro bambino cercando di trovare insieme una risoluzione al problema, che gli faccia capire quanto sia sbagliato picchiare qualcuno o qualcosa quando si è arrabbiati e che gli insegni ad avere rispetto per le cose e le persone. Non rispondete mai all’aggressività con altra aggressività (spesso gli eccessi dei bambini risvegliano nei genitori altra rabbia e nervosismo nonché senso di smarrimento) ma utilizzate invece strategie positive, mantenete la calma e rassicuratelo anche attraverso un linguaggio a lui più consono come quello del gioco e delle favole. È anche molto importante incoraggiare il bambino ed elogiarlo ognivolta che dimostra buone intenzioni e fa piccole conquiste nella gestione della propria aggressività.
Se doveste rendervi conto che l’aggressività aumenta e peggiora e si rivolge anche alle persone allora sarà bene individuare gli episodi relativi ai comportamenti aggressivi e il contesto in cui si manifestano e porre l’attenzione su eventuali cambiamenti di vita del bambino. Uno stile educativo lineare, non ostile, sereno e attento al vissuto e alle emozioni del bambino, permette di costruire tra genitori e figli un rapporto sano ed equilibrato, capace di incanalare l’aggressività nella giusta direzione.

BimbiSani&belli cercherà la risposta che desideri, consultando fonti autorevoli e attendibili.
Il servizio è riservato ai maggiorenni.


Chiedilo a BimbiSani&Belli
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimba di sei mesi che si addormenta solo se cullata

18/01/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professor Francesco Peverini

Intorno ai quattro mesi di vita, tutti i bambini dovrebbero imparare ad addormentarsi da solo: se questo non accade si può ricorrere a un metodo che nella maggior parte dei casi dà buoni risultati.   »

Bimba che sorride a tutti ma non alla mamma

18/01/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Per ottenere risate e gridolini allegri dal proprio bambino, può essere sufficiente relazionarsi con lui in modo sereno e gioioso.   »

Vaccino anti-Coronavirus: è davvero una fake-news che causi infertilità?

13/01/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Luca Cegolon, MD, MSc, DTM&H, PhD

Nel Web circolano bufale a volte così ben confenzionate da diventare credibili anche per persone competenti. Documentarsi sempre in modo meticoloso, prima di dare credito a ipotesi che mettono in discussione le scelte delle autorità sanitarie è quanto di meglio si possa fare per non cadere nelle tante...  »

Fai la tua domanda agli specialisti