A tre mesi vuole solo la mamma

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 09/03/2016 Aggiornato il 09/03/2016

Una bimba di tre mesi è cambiata completamente, prima molto aperta, ora ostile agli estranei e ai parenti. Risponde la dottoressa Maria Concetta Carruba

Una domanda di: Elisa
Buongiorno

ho una bimba di 3 mesi e 10 giorni che sta crescendo e che ha cambiato completamente il suo stare con le persone. Mi spiego: fino al mese scorso non aveva problemi a star in braccio anche ad estranei. Adesso lei non sta con nessuno tranne mamma e papà. Nemmeno i nonni che vede ogni giorno. Addirittura appena si avvicinano, a volte piange a volte ride. Volevo solo un consiglio su come fare per evitare questo suo blocco visto che tra un po rientro al lavoro. Grazie e saluti

Buongiorno Elisa,
la vista del bambino al compimento del terzo mese migliora ulteriormente: riesce a seguire gli oggetti, comincia a distinguere gli oggetti e le persone per le loro caratteristiche, acquisisce la convergenza oculare. Ovviamente, considerati gli sviluppi visivi, il bambino impara a distinguere la sua mamma e il suo papà e a riconoscerli. Questo è il motivo per cui mentre prima dei tre mesi il bambino tendenzialmente sta con tutti, in questa fase comincia a essere selettivo. Anche il sorriso diventa più intenzionale e questo è il motivo per cui a volte sorride e altre no ai nonni.
Questo cambiamento è, pertanto, frutto della crescita della sua bambina.
Non deve preoccuparsi se manifesta l’esigenza di scegliere con chi stare, è assolutamente una tappa standard. Capisco perfettamente la sua preoccupazione di dover rientrare a lavoro, ma vedrà che con le tappe successive la bambina sarà capace di relazionare meglio con gli altri significativi che ruotano intorno a lei. L’importante è che lei viva questa fase serenamente così da favorire la tranquillità della piccola.
Potrà usare il Doudou come oggetto tradizionale capace di accompagnare la piccola nei momenti in cui lei non è presente. Dorma con il Doudou e faccia in modo che l’oggetto abbia il suo profumo (quello della pelle, non un profumo artificiale), dormendoci insieme per un periodo prima di donarlo alla piccola. Vedrà che aiuterà la sua bambina nel momento del suo rientro al lavoro.
Stia tranquilla e non esiti a scrivere nuovamente per ulteriori domande o delucidazioni in merito.
Un caro saluto.

BimbiSani&belli cercherà la risposta che desideri, consultando fonti autorevoli e attendibili.
Il servizio è riservato ai maggiorenni.


Chiedilo a BimbiSani&Belli
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Placenta bassa in 16^ settimana: si può prendere l’aereo?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una sospetta inserzione bassa della placenta va confermata con l’ecografia transvaginale a partire dalla 20^ settimana, quindi circa un mese prima di questa data è prematuro diagnosticarla: proprio per questo un viaggio in aereo si può affrontare senza rischi.   »

Dopo tre cesarei si può partorire naturalmente?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Al travaglio di prova dopo un parto cesareo, noto con l'acronimo TOLAC dall'inglese trial of labour after cesarean, possono essere ammesse solo le mamme che abbiano già affrontato l'intervento solo una, massimo due volte.   »

Manovre effettuate durante l’ecografia: possono causare danno al feto?

04/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giovanni Battista Nardelli

Nessuna delle manovre manuali esterne effettuate dal medico per poter svolgere l'ecografia nel migliore dei modi può esporre il feto a rischi.   »

Bimbo di 4 anni con una tosse che non passa nonostante l’antibiotico

02/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

È un'eventualità frequente che i bambini della scuola materna passino più tempo a tossire che il contrario. Posto questo, l’antibiotico andrebbe usato quanto la tosse con catarro persiste per più di un mese senza tendenza alla remissione.  »

Fai la tua domanda agli specialisti