Fumo passivo: nuoce anche all’aperto?

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 26/10/2017 Aggiornato il 26/10/2017

Il fumo passivo apre la strada a vari rischi, specialmente se il bambino lo inala in modo continuativo, in un ambiente chiuso. All'aperto non ci dovrebbero essere invece particolari pericoli, anche perché basta allontanarsi da chi ha la sigaretta accesa.

Una domanda di: Valentina
Nel mio condominio, in alcuni appartamenti fumano. L\’odore arriva anche sui pianerottoli per le scale. È considerato fumo passivo passate su questi corridoi per alcuni secondi con il bambino? E il fumo passivo all\’aperto per alcuni secondi?

Stefano Geraci
Stefano Geraci

Cara mamma Valentina,
in primo luogo mi sento di sottolineare che per le scale di un condominio, così come nell’androne, è vietato fumare. E’ opportuno dunque che il divieto venga segnalato con un cartello ed è suo arbitrio denunciare eventuali trasgressioni all’amministratore, il quale è tenuto a intervenire. Venendo alla sua domanda, il fumo passivo è dannoso se l’esposizione è continuativa. Non dovrebbe invece avere particolari effetti negativi se viene inalato occasionalmente nel breve arco di tempo necessario a percorrere le scale. A maggior ragione, all’aperto non può nuocere, anche perché comunque quando si è fuori ci si può anche facilmente allontanare da chi ha la sigaretta accesa. Far stazionare con frequenza il bambino in una stanza dove si è fumato può invece esporlo a vari rischi, tra cui le bronchiti e le otiti ricorrenti. Con cordialità

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Quinta malattia: sono incinta e forse sono stata contagiata: che fare?

20/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Fabrizio Pregliasco

Nel caso in cui vi sia il dubbio di essere state contagiate dal parvovirus B19, è opportuno effettuare il test per la ricerca degli anticorpi specifici. Questa analisi dle sangue permette di capire se si è state colpite o no dall'infezione.   »

Concepimento: dopo due mesi non si è ancora verificato, c’è da preoccuparsi?

16/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Non fa bene alla fertilità di coppia farsi prendere dall'ansia del risultato immediatamente dopo aver deciso di avere un figlio. Non è, infatti, automatico che la gravidanza inizi quando viene decisa, ma questo non è affatto preoccupante.  »

Distacco amniocoriale che non si riassorbe con il passare delle settimane

14/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In presenza di un distacco amniocoriale che non si risolve non serve intensificare i controlli, mentre sono utili il riposo e un'alimentazione che favorisca l'attività dell'intestino, perché la stipsi può favorire la comparsa prematura di contrazioni uterine.   »

Fai la tua domanda agli specialisti