Nessun dente a 10 mesi: c’è da preoccuparsi?

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 10/01/2018 Aggiornato il 10/01/2018

L'epoca della dentizione è variabile ed è influenzata dalla familiarità. Ci sono bambini in cui il primo dentino spunta all'anno di vita, senza che questo sia segno di qualcosa che non va.

Una domanda di: Ilenia
Salve e grazie in anticipo. Mia figlia che ha quasi 10 mesi non ha ancora nessun dente. È il caso di preoccuparmi?
Leo Venturelli
Leo Venturelli

Cara mamma, i primi dentini arrivano mediamente tra il quinto e l’ottavo mese di vita. E’ un’indicazione di massima perché, anche se più raramente, è possibile che la dentizione inizi molto prima (addirittura nel terzo mese) o molto dopo (all’anno di vita compiuto!) senza che l’una o l’altra eventualità siano segno di qualcosa che non va. L’epoca della dentizione è comunque influenzata dalla familiarità, per cui è facile rintracciare nella famiglia di bambino “tardivo” qualche consanguineo con la stessa caratteristica. Di solito, spuntano per primi i due incisivi inferiori centrali (i dentini davanti in basso. Seguono i quattro incisivi superiori (dentini davanti in alto), i due restanti incisivi inferiori, i quattro premolari, i quattro
canini. Mediamente questa prima fase della dentizione si completa tra l’anno e mezzo e i due anni di vita. Stia dunque tranquilla, non ha alcuna ragione di preoccuparsi. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimbo che si sveglia piangendo: cosa può essere?

22/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

A fronte di un improvviso cambiamento nei ritmi del sonno è opportuno prima di tutto escludere la presenza di un disturbo fisico.   »

Sull’intervallo tra due vaccini vivi attenuati

22/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

La somministrazione di due vaccini vivi attenuati a una distanza inferiore alle 4 settimane può compromettere l'efficacia del secondo vaccino.  »

Iperattivita e prodotti omeopatici

16/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'iperattività (se di iperattività si tratta davvero) è segno di una malattia seria, non si può pensare di affrontarla con il fai-da-te.   »

Fai la tua domanda agli specialisti