Ossiuri, quant’è difficile!

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 09/11/2017 Aggiornato il 09/11/2017

Gli ossiuri si trovano un po' ovunque, quindi non è raro che dopo averli debellati si verifichi una nuova infestazione.

Una domanda di: Una mamma
Buongiorno. Ho letto il post \”Ossiuri resistenti alla cura\” e avrei una richiesta di chiarimento, che spero possa essere d\’aiuto anche ad altre mamme. Ho effettuato il trattamento vermifugo indicatomi dal pediatra ma la parassitosi continua ad essere presente.
Il pediatra a riguardo mi dice che da questo tipo di parassitosi è praticamente impossibile guarire perche è impossibile eliminare le migliaia di uova che possono resistere per diversi mesi nel nostro corpo e ricominciare l\’infestazione. E\’ corretto questo? mi potrebbe spiegare meglio questo processo? non c\’è modo di eliminare le uova ingerite? Grazie
E c\’è un medico specialista a cui ci si può rivolgere o è corretto rivolgersi al pediatra? grazia ancora!

Cara signora, il nodo della questione non è tanto il fatto che la cura non riesca a eliminare le uova – in questo caso si può somministrare un vermifugo di composizione diversa dal primo – quanto nelle altissime probabilità di reinfestazioni. In altre parole, è possibile che subito dopo averli debellati, magari ripetendo la cura due volte di seguito, ritornino a infestare l’intestino perché altre uova vengono inavvertitamente portate in bocca attraverso le mani del bambino (o della bambina). La ragione è semplice: gli ossiuri sono ubiquitari, le uova si trovano un po’ ovunque: in aula, sui pavimenti, sui banchi, sui vestiti, nel terreno … Una indagine condotta alcuni anni fa nelle scuole milanesi aveva evidenziato che più di 2/3 della popolazione scolastica presentava gli ossiuri, ma la maggioranza era asintomatica, cioè non presentava disturbi. Comunque per prevenire re-infestazioni ci sono regole da osservare con puntualità: tagliare bene le unghie al bambino (è la via principale di transito per la bocca), fargli lavare le mani con cura, insaponando più volte e usando lo spazzolino per unghie (da tenere pulito!); lavare i giocattoli; cambiare spesso le lenzuola l la biancheria intima e gli asciugamani; eseguire il trattamento con vermifugo all’intero del nucleo familiare, anche nel caso in cui nessun altro componente abbia sintomi. I pediatri sono preparato per dare terapia e parlare delle infestazioni da ossiuri. In genere non ho mai avuto necessità di dover interpellare un infettivologo (medico che si occupa specificatamente delle infezioni e della parassitologia) per risolvere la situazione. Mi tenga informato. Con cordialità.

BimbiSani&belli cercherà la risposta che desideri, consultando fonti autorevoli e attendibili.
Il servizio è riservato ai maggiorenni.


Chiedilo a BimbiSani&Belli
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Iperattivita e prodotti omeopatici

16/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'iperattività (se di iperattività si tratta davvero) è segno di una malattia seria, non si può pensare di affrontarla con il fai-da-te.   »

Fimosi del prepuzio in bimbo di sei anni: che fare?

15/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Se la pelle che ricopre il glande è serrata, è opportuno che il bambino impari, dopo il bagno o la doccia, a tirarla dolcemente all'indietro, fermandosi quando avverte dolore. La manovra, se effettuata regolarmente con mano leggera, può servire.   »

Streptococco B: quale cura?

01/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Lo streptococco B individuato in vagina non va curato in modo specifico. Solo al momento del parto rende opportuna la profilassi antibiotica per evitare che il bambino venga contagiato.   »

Fai la tua domanda agli specialisti