Quali sono i miei giorni fertili?

Dottor Claudio Ivan Brambilla A cura di Dottor Claudio Ivan Brambilla Pubblicato il 23/11/2017 Aggiornato il 04/12/2022

Indicativamente, il periodo fertile femminile cade a metà del ciclo mensile, inteso come arco di tempo tra l'inizio di una mestruazione e l'inizio di quella successiva.

Una domanda di: Ilaria
E’ già da un anno e più che non riesco a rimanere incinta. Mi può dare un consiglio dottore? Dalle analisi effettuate, risulta tutto a posto, sia per me sia per mio marito. Ho avutole mestruazioni il 12 novembre, qual è il giorno migliore per concepire?
Claudio Ivan Brambilla
Claudio Ivan Brambilla

Cara signora, per poterle indicare con ragionevole precisione (sempre nei limiti delle probabilità) quali sono i suoi giorni fertili dovrei conoscere la durata del suo ciclo mestruale, inteso come arco di tempo che intercorre tra l’inizio di una mestruazione e l’inizio di quella successiva. Mediamente, ha una durata media di 25/28 giorni, arco di tempo che comprende anche i 3 / 6 giorni di durata del flusso mestruale. Col primo giorno della mestruazione inizia quella che noi chiamiamo fase follicolare: significa che gli ormoni prodotti dalla donna a livello ipofisario stimolano l’ovaio a far maturale un follicolo (struttura che contiene un ovocita). Il follicolo maturando produce estrogeno e progesterone, per iniziare a preparare l’endometrio ad accogliere un eventuale uovo fecondato. Questa prima fase si conclude intorno al 14° giorno, o qualche giorno più in là, se la donna ha un ciclo più lungo o qualche giorno prima se la donna ha il ciclo più breve. È il periodo in cui il follicolo ormai maturo rilascia l’uovo che si infila nella tuba. Questo è il periodo fertile e dura grossomodo uno – due giorni. Una buona parte degli spermatozoi però sopravvive nel corpo della donna molto più della cellula uovo (anche fino a quattro – cinque giorni): significa che un rapporto sessuale avvenuto anche tre-quattro giorni prima dell’ovulazione potrebbe essere utile per il concepimento. Dopo l’ovulazione inizia la terza ed ultima parte del ciclo mestruale: la fase luteale della durate di circa 13 – 14 giorni. Il follicolo dopo aver rilasciato l’uovo si trasforma in quello che chiamiamo corpo luteo, che ha la funzione di produrre in gran quantità progesterone, un ormone che predispone l’endometrio ad accogliere nel migliore dei modi l’uovo eventualmente fecondato che, sempre in questo periodo, viaggia nella tuba per raggiungere la cavità uterina. Se non è avvenuta alcuna fecondazione né il successivo impianto, i livelli di progesterone ed estrogeni scendono rapidamente, provocando l’espulsione dell’endometrio attraverso le mestruazioni. Quindi facendo un mero calcolo su quanto lei riferisce, sempre che il suo ciclo sia regolare : mestruo il 12 novembre; ovulazione possibile tra 24 e 27 novembre; giorni probabilmente fecondi dal 20 al 28 novembre, facendo conto sulla vitalità degli spermatozoi. Tenga presente che tre rapporti sessuali alla settimana nel periodo fertile sono sufficienti per concepire. Cari saluti (resto in attesa della bella notizia!)

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Piccolissima che non gradisce il cambio del latte

17/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Migliori

Il sapore e la consistenza di un nuovo tipo di latte possono non essere accettati subito di buon grado dal neonato ed è per questo che è consigliabile che il cambiamento avvenga con gradualità, iniziando con una sola poppata.   »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Distacco: si deve stare a riposo assoluto?

11/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Stare a letto non solo non serve a cambiare in meglio il destino di una gravidanza ma può addirittura rivelarsi dannoso in quanto favorisce la formazione di trombi e peggiora notevolmente il tono dell'umore.   »

Fai la tua domanda agli specialisti