annamaria

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 20/05/2012 Aggiornato il 20/05/2012

Risponde: Dottoressa Francesca Pinto

Una domanda di: annamaria77
Salve, sono la mamma di un bimbo di 4 anni e il nostro
non è un vero e proprio problema… Nicolò (così si chiama mio figlio) ha
preso l'abitudine di toccarsi sempre i genitali, quasi in maniera maniacale!
Sono sicura sia innocua come "abitudine", ma non lo trovo particolarmente
gradito in alcune situazioni: mentre mangia, mentre gioca…. senza contare
la questione igienica. Vorrei trovare un modo di impedirglielo senza
traumatizzarlo, o farglielo sembrare una cosa negativa, è giusto che lui
scopra il suo corpo! La ringrazio anticipatamente, AnnaMaria e Nicolò

Buongiorno. Il consiglio è quello di spiegargli di non farlo, senza colpevolizarlo, ma facendolo rientrare tra le cose che di norma non devono essere fatte, con fermezza. Ignorare la cosa, non darebbe modo di insegnargli a non farla più, e riprenderlo in modo brusco rischia di non farvi ottenere il risultato richiesto.

BimbiSani&belli cercherà la risposta che desideri, consultando fonti autorevoli e attendibili.
Il servizio è riservato ai maggiorenni.


Chiedilo a BimbiSani&Belli
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimbo che si sveglia piangendo: cosa può essere?

22/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

A fronte di un improvviso cambiamento nei ritmi del sonno è opportuno prima di tutto escludere la presenza di un disturbo fisico.   »

Sull’intervallo tra due vaccini vivi attenuati

22/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

La somministrazione di due vaccini vivi attenuati a una distanza inferiore alle 4 settimane può compromettere l'efficacia del secondo vaccino.  »

Iperattivita e prodotti omeopatici

16/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'iperattività (se di iperattività si tratta davvero) è segno di una malattia seria, non si può pensare di affrontarla con il fai-da-te.   »

Fai la tua domanda agli specialisti