benedetta

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 16/05/2012 Aggiornato il 16/05/2012

Risponde: Dottor Lucio Palmiero

Una domanda di: Benedetta
Buongiorno dottore,

ho una scoliosi che non mi dà problemi ma da ragazzina ho dovuto mettere il busto per qualche anno. Mio figlio ha 6 anni e iniziando a fare i compiti lo vedo sempre più storto alla scrivania. È vero che c'è una certa predisposizione genetica e che rischia di avere i miei stessi problemi da ragazzino? Che cosa possa fare per evitarlo? Ha uno sport da consigliarmi?
Grazie

Gentile lettrice,
esiste una familiarità dell'affezione, quindi, dal pediatra di famiglia, faccia valutare preliminarmente la schiena del suo bambino, con particolare attenzione alla comparsa di asimmetrie del dorso (scapole, triangoli della taglia, eventuale presenza di "gibbi", rilevabili con il tronco flesso in avanti ada arti tesi, lievemente divaricati).
Essendo dunque documentata una predisposizione genetica della scoliosi, non esiste una prevenzione primaria effettuabile attraverso la pratica di uno sport, che è comunque consigliabile, ovviamente tenendo conto delle attitudini del bambino.
Cordiali saluti
Lucio Palmiero

BimbiSani&belli cercherà la risposta che desideri, consultando fonti autorevoli e attendibili.
Il servizio è riservato ai maggiorenni.


Chiedilo a BimbiSani&Belli
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Continue infezioni delle vie urinarie: che fare?

27/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Nel caso in cui si vada incontro a numerose infezioni delle vie urinarie diventa necessario rivolgersi a uno specialista in urologia o uro-ginecologia per farsi indicare il percorso terapeutico più efficace e, quindi, risolutivo.   »

Tutti figli maschi: casualità o genetica?

24/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Paolo Gasparini

Ogni fecondazione costituisce una storia a sé e ogni volta si hanno le stesse probabilità di concepire un maschio o una bambina. È, dunque, sempre il caso a "tirare i dadi".  »

Concepimento: dopo due mesi non si è ancora verificato, c’è da preoccuparsi?

16/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Non fa bene alla fertilità di coppia farsi prendere dall'ansia del risultato immediatamente dopo aver deciso di avere un figlio. Non è, infatti, automatico che la gravidanza inizi quando viene decisa, ma questo non è affatto preoccupante.  »

Fai la tua domanda agli specialisti