cammina in punta di piedi

Dottor Lucio Palmiero A cura di Dottor Lucio Palmiero Pubblicato il 02/04/2013 Aggiornato il 01/08/2018

Risponde: Dottor Lucio Palmiero

Una domanda di: klara
Buonasera, ho un bimbo di 4 anni e da piccolo ha usato per un breve periodo il girello: è normale che ora cammini in punta di piedi?

Gentile signora, fino ai 2-3 anni di età è di facile riscontro il Toe Walking, cioè il cammino in punta di piedi. Dopo questo periodo vanno escluse, con valutazione clinica, cause ortopediche e neurologiche. Il più delle volte il "disturbo" scompare spontaneamente. Può essere utile ricordare al bambino di appoggiare anche il calcagno a terra ed eventualmente aiutarlo con esercizi di stretching del tricipite della sura (muscolatura posteriore della gamba). Non credo che l'uso del girello abbia potuto condizionare l'insorgenza del Toe walking. Cordiali saluti

BimbiSani&belli cercherà la risposta che desideri, consultando fonti autorevoli e attendibili.
Il servizio è riservato ai maggiorenni.


Chiedilo a BimbiSani&Belli
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Tutti figli maschi: casualità o genetica?

24/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Paolo Gasparini

Ogni fecondazione costituisce una storia a sé e ogni volta si hanno le stesse probabilità di concepire un maschio o una bambina. È, dunque, sempre il caso a "tirare i dadi".  »

Concepimento: dopo due mesi non si è ancora verificato, c’è da preoccuparsi?

16/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Non fa bene alla fertilità di coppia farsi prendere dall'ansia del risultato immediatamente dopo aver deciso di avere un figlio. Non è, infatti, automatico che la gravidanza inizi quando viene decisa, ma questo non è affatto preoccupante.  »

Distacco amniocoriale che non si riassorbe con il passare delle settimane

14/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In presenza di un distacco amniocoriale che non si risolve non serve intensificare i controlli, mentre sono utili il riposo e un'alimentazione che favorisca l'attività dell'intestino, perché la stipsi può favorire la comparsa prematura di contrazioni uterine.   »

Fai la tua domanda agli specialisti