cate

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 12/09/2012 Aggiornato il 12/09/2012

Risponde: Dottoressa Francesca Pinto

Una domanda di: caterinam
Salve dottoressa, sono la mamma di un bimbo di 5 mesi che ho allattato esclusivamente al seno fino al 4° mese; da tre settimane ho inserito nell'alimentazione del piccolo la frutta (mela e pera), pappa lattea e crema ai cereali. Dopo il compimento del 1° mese di vita, il mio bimbo ha iniziato ad avere molte difficoltà nell'evacuare regolarmente e il pediatra mi ha detto di usare le supposte di glicerina dopo il 3° giorno. La soluzione fa liberare l'intestino del bimbo (con l'allattamento al seno la sua pupù era ovviamente liquida), ma il problema persiste e con l'integrazione di nuovi alimenti che modificano la consistenza della pupù il problema stenta a risolversi. Il mio pediatra mi dice che il mio bambino non è stitico ma semplicemente "non sa fare la cacca" e mi rassicura dicendomi che prima o poi imparerà. Io sono ovviamente preoccupata, potrebbe darmi qualche consiglio? Grazie

Buongiorno. Per prima cosa cerchi di assumere lei mamma molte fibre, in modo che con il suo latte lo aiuti un po'. Poi, cerchi di non usare per le pappe troppa patata e prediliga mais e tapioca alla crema di riso. È possibile che sia un problema che, crescendo e con un'alimentazione più varia (dopo lo svezzamento), passi. Cordiali saluti

BimbiSani&belli cercherà la risposta che desideri, consultando fonti autorevoli e attendibili.
Il servizio è riservato ai maggiorenni.


Chiedilo a BimbiSani&Belli
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Sertralina in gravidanza contro ansia e attacchi di panico: ci sono rischi?

17/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Durante la gravidanza, se necessario si possono assumere psicofarmaci della categoria degli SSRI (inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina) senza esporre il bambino a rischi. Ben peggio sarebbe non impiegarli quando ve ne è bisogno.   »

Bimbo di sette mesi con un “buchetto” sopra il sederino: è preoccupante?

16/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

La presenza di una fossetta sacro-coccigea a fondo cieco, se non è associata ad altri segnali che possano far pensare a un problema della colonna vertebrale, non è significativa.   »

Preoccupata per l’assenza di sintomi “di gravidanza”

19/04/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Non è così automatico che la gravidanza, una volta iniziata, determini la comparsa di sintomi specifici, quindi l'assenza dei disturbi "tradizionali" (nausea, tensione al seno e così via) non deve essere interpretata come un segnale per forza negativo.  »

Fai la tua domanda agli specialisti