Chinetosi

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 19/05/2012 Aggiornato il 19/05/2012

Risponde: Dottoressa Alessia Bertocchini

Una domanda di: anna 82
Salve, le racconto quello che accade da sei mesi in maniera sporadica alla mia
bambina….viaggiando in auto per varie ore, e ciò capita spesso, la mia bimba
avverte sonnolenza e vomito..può trattarsi di mal-d'auto???
grazie in anticipo
cordiali saluti anna

Certo! I bambini spesso soffrono di "mal d'auto" o chinetosi. Iniziano i primi sintomi intorno ai 2-3 anni di età e si protrae fino all’adolescenza poi regredisce. I sintomi sono facilmente riconoscibili perché poco dopo l’inizio del viaggio il bambino manifesta un senso di malessere generale, pallore, vertigini, mal di testa e nausea fino a ripetuti episodi di vomito. È coinvolto l' apparato vestibolare presente nell'orecchio e anche l'occhio ha un ruolo importante. Il problema può emergere in auto ma anche in barca o in aereo. Dopo aver fatto una breve ricerca sull'argomento per non tralasciare niente concordo con i seguenti consigli. È buona abitudine partire a stomaco pieno dopo un pasto leggero e asciutto e portare con sé dagli snack che riescano ad attenuare l’eventuale senso di nausea e vuoto allo stomaco (crackers o grissini). Meglio evitare invece di bere molto. Durante il viaggio bisogna fare in modo che il bambino mantenga quanto più possibile una posizione stabile e comoda, evitando bruschi movimenti della testa e del corpo. Conviene scegliere i punti più stabili del veicolo: i posti sull’ala in aereo, quelli centrali in nave. In automobile, se è possibile, meglio scegliere il posto anteriore visto che lo scorrere del paesaggio di lato può accentuare il disturbo. Può essere utile mantenere lo sguardo circa a 45° al di sopra dell'orizzonte, soprattutto se si viaggia in mare, ed evitare di fissare le onde o i punti in movimento. Se c’è spazio a sufficienza e un punto adeguato per stendersi, la posizione supina va bene. In alternativa, in macchina, la posizione seduta semisdraiata, con la testa ben ferma, è la migliore. E poi, visto che il disturbo ha una valenza psicologica, è meglio non restare a lungo in silenzio. Piuttosto bisognerebbe cercare di distrarre il bambino, chiacchierando tranquillamente con lui o intrattenendolo con musica e canzoncine. Non è una buona idea, invece, scegliere come passatempo un libro: avere la testa china e lo sguardo fisso mentre il resto del corpo percepisce il movimento non aiuterà il piccolo a sentirsi meglio. 
Se si viaggia in automobile bisogna evitare di fumare (fumo passivo) e assicurare sempre un ricambio d’aria. È bene inoltre fare ogni tanto una sosta per fare camminare il bambino e fargli respirare un po’ di aria fresca e ossigenata. Se si viaggia in mezzi comuni e affollati, come le navi, è meglio evitare i luoghi in cui l’aria è rarefatta e c’è confusione. L’ideale è trovare uno spazio in cui ci sia aria a sufficienza. Una passeggiata sul ponte può distrarre il bambino. Se è possibile, in linea di massima è consigliabile viaggiare nelle ore notturne, in modo che il bambino possa addormentarsi e non avvertire il disturbo. I farmaci adatti sono diversi, alcuni possono dare sonnolenza. I farmaci di solito si somministrano prima della partenza e se non sufficienti anche durante. Ai bambini più grandi si possono somministrare anche gomme da masticare a base di dimenidrinato, sostanza che ha un effetto diretto e sedativo sul sistema nervoso centrale e aiuta quindi ad attenuare le sensazioni legate ai movimenti del viaggio. In alternativa, si possono scegliere i cerotti a base di scopolamina, un principio attivo anti-nausea e antivomito. I cerotti si applicano dietro le orecchie almeno due ore prima di iniziare il viaggio. Un’altra possibilità è quella di ricorrere ai rimedi “dolci” delle medicine non convenzionali. Uno molto diffuso, che si acquista in farmacia pur non essendo un farmaco, è il braccialetto anti-vomito. È commercializzato in Italia già da qualche anno e si basa sui principi dell’antichissima medicina Cinese(agopuntura/digitopressione (viene usato anche per la nausea in gravidanza). Il bracciale si indossa proprio come un normalissimo monile. La sua azione si basa sulla pressione del punto P6 dell'agopuntura, situato 2 pollici cinesi sopra la linea distale del polso. L’effetto benefico è la riduzione del senso di nausea. Questo metodo, che non ha controindicazioni, dà in genere buoni risultati con grandi e piccini. Al termine del viaggio il bracciale si toglie senza alcuna conseguenza particolare. Anche l’omeopatia suggerisce i suoi rimedi. Buon viaggio!

BimbiSani&belli cercherà la risposta che desideri, consultando fonti autorevoli e attendibili.
Il servizio è riservato ai maggiorenni.


Chiedilo a BimbiSani&Belli
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Vaccino anti-Coronavirus: è davvero una fake-news che causi infertilità?

13/01/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Luca Cegolon, MD, MSc, DTM&H, PhD

Nel Web circolano bufale a volte così ben confenzionate da diventare credibili anche per persone competenti. Documentarsi sempre in modo meticoloso, prima di dare credito a ipotesi che mettono in discussione le scelte delle autorità sanitarie è quanto di meglio si possa fare per non cadere nelle tante...  »

Bimba di (quasi) tre anni che ripete frasi e parole

11/01/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'ecolalia potrebbe costituire un segnale d'allarme qualora si associasse ad altri comportamenti anomali. Altrimenti è solo una delle modalità per apprendere e consolidare il linguaggio.   »

Sentimenti contrapposti verso il nuovo papà

03/01/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Quando entra una nuova figura maschile nella vita di un bambino piccolo, può accadere che si instauri una relazione in cui non tutto fila sempre liscio. Ma del resto può succedere anche con il papà biologico.   »

Fai la tua domanda agli specialisti