claudia

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 15/05/2012 Aggiornato il 15/05/2012

Risponde: Dottoressa Francesca Pinto

Una domanda di: claudia
Buongiorno dottoressa, sono la mamma di un bambino di 5 anni. Premetto che è
alto un metro e dieci e, soprattutto negli ultimi tempi, si è allungato
parecchio. Ogni tanto lui lamenta dei dolori alle gambe, soprattutto di sera
e di notte. Ne ho parlato con il suo pediatra e mi ha detto di non
preoccuparmi perché si tratta di dolori della crescita. Ma davvero
esistono? Io credevo che fossero solo una credenza popolare. Grazie per
l'attenzione.

Buongiorno. È possibile che nelle fasi di crescita rapida si presentino algie, in particolare agli arti inferiori. L'importante è che in primis venga controllato il benessere del bambino, mediante valutazione clinica accurata, magari anche da parte di un ortopedico pediatra ed eventualmente con esami ematici.

BimbiSani&belli cercherà la risposta che desideri, consultando fonti autorevoli e attendibili.
Il servizio è riservato ai maggiorenni.


Chiedilo a BimbiSani&Belli
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimbo che si sveglia piangendo: cosa può essere?

22/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

A fronte di un improvviso cambiamento nei ritmi del sonno è opportuno prima di tutto escludere la presenza di un disturbo fisico.   »

Sull’intervallo tra due vaccini vivi attenuati

22/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

La somministrazione di due vaccini vivi attenuati a una distanza inferiore alle 4 settimane può compromettere l'efficacia del secondo vaccino.  »

Iperattivita e prodotti omeopatici

16/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'iperattività (se di iperattività si tratta davvero) è segno di una malattia seria, non si può pensare di affrontarla con il fai-da-te.   »

Fai la tua domanda agli specialisti