claudia

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 15/05/2012 Aggiornato il 15/05/2012

Risponde: Dottoressa Francesca Pinto

Una domanda di: claudia
Buongiorno dottoressa, sono la mamma di un bambino di 5 anni. Premetto che è
alto un metro e dieci e, soprattutto negli ultimi tempi, si è allungato
parecchio. Ogni tanto lui lamenta dei dolori alle gambe, soprattutto di sera
e di notte. Ne ho parlato con il suo pediatra e mi ha detto di non
preoccuparmi perché si tratta di dolori della crescita. Ma davvero
esistono? Io credevo che fossero solo una credenza popolare. Grazie per
l'attenzione.

Buongiorno. È possibile che nelle fasi di crescita rapida si presentino algie, in particolare agli arti inferiori. L'importante è che in primis venga controllato il benessere del bambino, mediante valutazione clinica accurata, magari anche da parte di un ortopedico pediatra ed eventualmente con esami ematici.

BimbiSani&belli cercherà la risposta che desideri, consultando fonti autorevoli e attendibili.
Il servizio è riservato ai maggiorenni.


Chiedilo a BimbiSani&Belli
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimba di due anni con i capelli molto radi

24/01/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

Nella maggior parte die casi, i capelli dei piccolini diventano più folti con il passare deigli anni, tuttavia se appaiono realmente troppo deboli e mancano in alcuen zone della testa è bene sentire il parere di un dermatologo (in presenza).   »

Menarca in bimba di 9 anni: crescerà ancora?

17/01/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Non è così automatico che l'arrivo della prima mestruazione segni la fine della crescita in altezza.   »

Anticorpi: con che quantità si può rinviare la seconda o la terza dose?

17/01/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Fabrizio Pregliasco

A oggi non è ancora stato stabilito quale valore relativo agli anticorpi assicuri una copertura tale da consentire di rimandare (o, peggio, evitare) la vaccinazione.   »

Fai la tua domanda agli specialisti