crisframati

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 03/06/2012 Aggiornato il 03/06/2012

Risponde: Dottoressa Francesca Pinto

Una domanda di: crisframati
Buonasera, avrei bisogno di aiuto…ho una bambina di 13
mesi, che da una settimana ha cominciato a piangere a scuarciagola per
addormentarsi…si gratta gli occhi perché ha sonno, mangia il latte (non la
allatto da quando aveva un mese e non usa il ciuccio, ma solo una coperta che
usa sempre per addormentarsi), ma non riesco ad addormentarla…ho provato a
portarla nel letto con me e piange a dirotto finché poi si stanca e
crolla…ma non ha mai fatto così, anzi…di solito mangiava e si
addormentava…non posso far ogni sera questa vita…cosa mi consiglia?

Buonasera. Per prima cosa conviene far visitare la bimba in modo da verificare che non abbia qualcosa che da sdraiata la infastidisce ( es. il mal di orecchie), in quanto sembra difficile pensare a un capriccio visto che nulla la consola. In quest'ultimo caso però non c'è nulla da suggerire se non tanta pazienza…

BimbiSani&belli cercherà la risposta che desideri, consultando fonti autorevoli e attendibili.
Il servizio è riservato ai maggiorenni.


Chiedilo a BimbiSani&Belli
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimbo che si sveglia piangendo: cosa può essere?

22/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

A fronte di un improvviso cambiamento nei ritmi del sonno è opportuno prima di tutto escludere la presenza di un disturbo fisico.   »

Sull’intervallo tra due vaccini vivi attenuati

22/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

La somministrazione di due vaccini vivi attenuati a una distanza inferiore alle 4 settimane può compromettere l'efficacia del secondo vaccino.  »

Iperattivita e prodotti omeopatici

16/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'iperattività (se di iperattività si tratta davvero) è segno di una malattia seria, non si può pensare di affrontarla con il fai-da-te.   »

Fai la tua domanda agli specialisti