cristina

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 29/01/2013 Aggiornato il 29/01/2013

Risponde: Dottoressa Francesca Pinto

Una domanda di: cristinagambino
Ho un problema con mio figlio di 8 mesi: quando lo metto a nanna la sera piange sempre disperato e non ci sono riti che tengano (musica dolce e soffusa, saluto ai suoi pupazzi…). Vedo, da come mi segue con lo sguardo, che teme la mia lontananza e, infatti, appena lo lascio solo attacca a piangere. Ciò fa sì che si addormenta tardi (verso mezzanotte). Cosa mi suggerisce? Premetto che il bambino mangia con piacere tutte le pappe suggeritemi dal pediatra, quindi escludo abbia fame. Aggiungo che anche le goccine prescrittemi dal medico a base di melissa non hanno alcun effetto calmante. Grazie.

Le consiglio semplicemente di rimanere con lui raccontandogli una storia o giocando insieme finchè non si addormenta, in modo da non percepire la nanna come un distacco. Con un po' di pazienza vedrà che si abituerà. Cordiali saluti.

BimbiSani&belli cercherà la risposta che desideri, consultando fonti autorevoli e attendibili.
Il servizio è riservato ai maggiorenni.


Chiedilo a BimbiSani&Belli
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimbo che si sveglia piangendo: cosa può essere?

22/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

A fronte di un improvviso cambiamento nei ritmi del sonno è opportuno prima di tutto escludere la presenza di un disturbo fisico.   »

Sull’intervallo tra due vaccini vivi attenuati

22/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

La somministrazione di due vaccini vivi attenuati a una distanza inferiore alle 4 settimane può compromettere l'efficacia del secondo vaccino.  »

Iperattivita e prodotti omeopatici

16/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'iperattività (se di iperattività si tratta davvero) è segno di una malattia seria, non si può pensare di affrontarla con il fai-da-te.   »

Fai la tua domanda agli specialisti