Dolore al petto

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 28/08/2012 Aggiornato il 28/08/2012

Risponde: Dottoressa Alessia Bertocchini

Una domanda di: mammamara
Buonasera, ho un bimbo, Tommaso, di 5 anni che da un mese circa dice di sentirsi scorrere il sangue freddo nel petto e di avere male al petto. La sua dottoressa dice che è normale, ma lui continua ad accusare il fastidio e a volte dice di far fatica a respirare. Non sta mangiando molto (forse per il caldo) mentre di solito ha molto appetito. Secondo lei sono necessari esami o davvero è normale sentirsi scorrere il sangue nel petto? Grazie per la disponibilità.

Descrive una sensazione strana. Senza visitare il bambino non posso dirle granché. I sintomi sono soggettivi e vengono riferiti dal paziente, in questo caso un bambino piccolo che potrebbe riferirli in modo anomalo. I segni invece sono oggettivi e il fatto che respiri male lo può vedere sia lei sia la sua pediatra. Lo porti a un controllo medico completo e il medico pediatra valuterà se è opportuno eseguire altri accertamenti come una visita cardiologica con elettrocardiogramma ed ecocardio e/o radiografia del torace e/o esami ematici o altro. La saluto. 

BimbiSani&belli cercherà la risposta che desideri, consultando fonti autorevoli e attendibili.
Il servizio è riservato ai maggiorenni.


Chiedilo a BimbiSani&Belli
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Continue infezioni delle vie urinarie: che fare?

27/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Nel caso in cui si vada incontro a numerose infezioni delle vie urinarie diventa necessario rivolgersi a uno specialista in urologia o uro-ginecologia per farsi indicare il percorso terapeutico più efficace e, quindi, risolutivo.   »

Tutti figli maschi: casualità o genetica?

24/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Paolo Gasparini

Ogni fecondazione costituisce una storia a sé e ogni volta si hanno le stesse probabilità di concepire un maschio o una bambina. È, dunque, sempre il caso a "tirare i dadi".  »

Concepimento: dopo due mesi non si è ancora verificato, c’è da preoccuparsi?

16/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Non fa bene alla fertilità di coppia farsi prendere dall'ansia del risultato immediatamente dopo aver deciso di avere un figlio. Non è, infatti, automatico che la gravidanza inizi quando viene decisa, ma questo non è affatto preoccupante.  »

Fai la tua domanda agli specialisti