eletorti [uid:2952]

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 21/01/2013 Aggiornato il 21/01/2013

Risponde: Dottoressa Francesca Pinto

Una domanda di: eletorti
Buongiorno. Mio figlio di 7 mesi ha sofferto di una infezione alle vie urinarie da Escherichia coli. Ha dovuto seguire una terapia antibiotica per 10 giorni e per il momento l'infezione è guarita. In ospedale, dove è stato ricoverato, hanno suggerito di eseguire cistografie nel corso del prossimo anno. Dato che si tratta di esami invasivi, vorrei sapere se sono necessari con una frequenza di uno ogni due mesi per il suo primo anno di vita. In tal caso, cosa può scoprire e come si possono prevenire ulteriori infezioni o patologie associate a malformazioni delle vie urinarie?

in genere si consiglia di fare un'ecografia e poi la cistografia. Sono indagini che servono per stabilire la presenza di dilatazioni delle vie urinarie o reflussi: a seconda dell'entità potrà non essere necessario nessun provvedimento, o una profilassi antibiotica e, nei casi più importanti, un intervento chirurgico. In base all'esito delle stesse l'urologo deciderà i tempi e le modalità di intervento.

BimbiSani&belli cercherà la risposta che desideri, consultando fonti autorevoli e attendibili.
Il servizio è riservato ai maggiorenni.


Chiedilo a BimbiSani&Belli
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Paura di aver contratto la listeriosi: c’è un esame da effettuare subito?

14/03/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Fabrizio Pregliasco

La diagnosi certa di listeriosi viene effettuata grazie all'analisi del sangue per la ricerca del batterio responsabile. Ma questa indagine è consigliata solo se dopo il presunto contatto con il Listeria monocytogenes compaiono sintomi gastrointestinali riconducibili all'infezione.   »

Connettivite indifferenziata e gravidanza: va sospesa la cura?

13/03/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Sospendere il trattamento che controlla la connettivite indifferenziata, che è una malattia autoimmune, potrebbe compromettere il buon esito della gravidanza, quindi continuare la cura (oltretutto innocua per il bambino) è un imperativo categorico.  »

Pancera post parto: sì o no?

10/03/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

La pancera (o guaina) da indossare dopo il parto suscita pareri discordanti tra gli specialisti. In linea di massima, in caso di parto naturale non è opportuno metterla, mentre può servire alle neo mamme sottoposte a cesareo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti