Eziologia diabete mellito

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 04/07/2012 Aggiornato il 04/07/2012

Risponde: Dottoressa Alessia Bertocchini

Una domanda di: beppe
Salve,

un'amica di mia figlia di soli 4 anni ha il diabete mellito da quando ha 4
mesi. Le maestre dell'asilo ci hanno detto che è una malattia sempre più
diffusa e che se autoimmune, come in questo caso, può essere causata da
fattori ambientali. Che cosa significa? Che l'inquinamento potrebbe essere
una causa?

Grazie per la sua risposta

Le cause sono un insieme di fattori che riguardano la genetica, l'ambiente e l'immunologia: ad una predisposizione genetica di base si unisce uno stimolo immunologico che, con il passare del tempo, porta alla distruzione delle cellule beta, quando la percentuale di cellule beta perse arriva all'80%, ci si ritrova di fronte al diabete mellito di forma 1. Si sospetta che i fattori ambientali possono sviluppare forme di diabete: Virus (come i Coxsackie) e batteri (come i micobatteri atipici) e altro potrebbero favorire l' insorgenza. E c'è ancora tanto da scoprire!

BimbiSani&belli cercherà la risposta che desideri, consultando fonti autorevoli e attendibili.
Il servizio è riservato ai maggiorenni.


Chiedilo a BimbiSani&Belli
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

L’amore per la mamma è “automatico”?

01/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'amore che un piccolissimo prova per la madre è legato al fatto che è la madre a prendersi principalmente cura di lui.  »

Sull’intervallo tra due vaccini vivi attenuati

22/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

La somministrazione di due vaccini vivi attenuati a una distanza inferiore alle 4 settimane può compromettere l'efficacia del secondo vaccino.  »

Iperattivita e prodotti omeopatici

16/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'iperattività (se di iperattività si tratta davvero) è segno di una malattia seria, non si può pensare di affrontarla con il fai-da-te.   »

Fai la tua domanda agli specialisti