fabiocrux

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 28/01/2013 Aggiornato il 28/01/2013

Risponde: Dottoressa Lucia Romeo

Una domanda di: fabiocrux
Ho un bimbo di due anni e mezzo: dai primi di dicembre ha catarrro persistente al petto, che non riesce a espellere. Premetto che a ottobre ha fatto il vaccino anticatarrale. Dai primi di dicembre, da quando gli è venuto il catarro ha fatto vari cicli di aerosol (Fluimucil ecc.) e due cicli di antibiotico Augmentin e ora un terzo ciclo con Veclam. Ha fatto anche il Formistin, sempre sotto prescrizione della pediatra. Tutto senza alcun risultato. Il catarro c'è ancora. Il bambino è vispo e non dà segni di sofferenza, ma sta perdendo l'appetito. Sono un po' preoccupata. Che cosa mi consiglia?

Le consiglierei di cambiare pediatra! Innanzitutto: il catarro in un bimbo che sta bene non si aggredisce con antibiotici. In secondo luogo: nemmeno con il vaccino anticatarrale. Infine: non si dà mai neanche il Formistin, che è un antistaminico.

BimbiSani&belli cercherà la risposta che desideri, consultando fonti autorevoli e attendibili.
Il servizio è riservato ai maggiorenni.


Chiedilo a BimbiSani&Belli
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Reazioni sulla pelle dopo il vaccino anti-Covid

12/04/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Rocco Russo

Le eventuali reazioni locali all'inoculazione del vaccino possono essere controllate con pomate a base di antistaminico.  »

Feto un po’ più grande rispetto all’atteso

12/04/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Gaetano Perrini

La gravidanza può essere ridatata grazie a quanto rilevato con la prima ecografia.   »

Smettere di allattare e sensi di colpa

27/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Le mamme sono specializzate in sensi di colpa, ma forse riuscirebbero a nutrirne di meno se solo acquisissero la consapevolezza che la tristezza e l'ansia che ne derivano non fanno bene alla serenità del bambino.   »

Fai la tua domanda agli specialisti