farfalla84

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 23/01/2013 Aggiornato il 23/01/2013

Risponde: Dottoressa Francesca Pinto

Una domanda di: farfalla84
Buonasera dottoressa, mia figlia ha da poco compiuto due anni; è una bambina sveglia e abbastanza indipendente, però ultimamente mi preoccupa un po' in quanto si comporta come se fosse più piccola. Per esempio, si mette ancora delle cose in bocca come quando aveva un anno-un anno e mezzo. Speravo che ormai, arrivati i due anni, la bambina capisse che certe cose non vanno fatte e che quindi non le facesse più. Mi sembra che psicologicamente sia rimasta ancora piccola… È normale o mi devo preoccupare? La ringrazio.

Potrebbe essere dovuto a un momento in cui ha bisogno di attirare maggiormente l'attenzione: provi a valutare se c'è qualche fattore che potrebbe averle fatto fare "qualche passo indietro" (per esempio, l'inizio del nido). Faccia comunqua valutare al suo pediatra lo sviluppo della bimba, per avere la conferma che si tratta di un problema transitorio.

BimbiSani&belli cercherà la risposta che desideri, consultando fonti autorevoli e attendibili.
Il servizio è riservato ai maggiorenni.


Chiedilo a BimbiSani&Belli
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

L’amore per la mamma è “automatico”?

01/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'amore che un piccolissimo prova per la madre è legato al fatto che è la madre a prendersi principalmente cura di lui.  »

Sull’intervallo tra due vaccini vivi attenuati

22/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

La somministrazione di due vaccini vivi attenuati a una distanza inferiore alle 4 settimane può compromettere l'efficacia del secondo vaccino.  »

Iperattivita e prodotti omeopatici

16/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'iperattività (se di iperattività si tratta davvero) è segno di una malattia seria, non si può pensare di affrontarla con il fai-da-te.   »

Fai la tua domanda agli specialisti