fatafurbina

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 31/05/2013 Aggiornato il 31/05/2013

Risponde: Dottoressa Francesca Pinto

Una domanda di: fatafurbina
Buonasera, il mio bambino di 2 anni da circa due mesi ha l'unghia del terzo dito del piede ingiallita, ispessita e che si sfalda. In più, quando cerco di tagliarla, si vede che il bimbo prova dolore, tanto che come vede le forbici sembra terrorizzato. L'ho fatto vedere dalla pediatra, ma non ha dato peso al fatto dicendo che eventualmente al prossimo controllo mi consiglierà un dermatologo. Mancano però 4 mesi e di mezzo c'è l'estate con la sabbia e i suoi batteri… Potrebbe essere la conseguenza del fatto che è un bimbo che non cammina mai ma corre e che spesso lo fa in punta di piedi? Grazie del suo tempo.

Il problema potrebbe essere attribuibile a microtraumatismi dell'unghia mentre cammina oppure, forse più probabile, a un'onicomicosi. Lo faccia vedere da un dermatologo per avere una diagnosi esaustiva. Saluti

BimbiSani&belli cercherà la risposta che desideri, consultando fonti autorevoli e attendibili.
Il servizio è riservato ai maggiorenni.


Chiedilo a BimbiSani&Belli
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimbo che si sveglia piangendo: cosa può essere?

22/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

A fronte di un improvviso cambiamento nei ritmi del sonno è opportuno prima di tutto escludere la presenza di un disturbo fisico.   »

Sull’intervallo tra due vaccini vivi attenuati

22/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

La somministrazione di due vaccini vivi attenuati a una distanza inferiore alle 4 settimane può compromettere l'efficacia del secondo vaccino.  »

Iperattivita e prodotti omeopatici

16/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'iperattività (se di iperattività si tratta davvero) è segno di una malattia seria, non si può pensare di affrontarla con il fai-da-te.   »

Fai la tua domanda agli specialisti