Febbre e asilo

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 26/09/2012 Aggiornato il 26/09/2012

Risponde: Dottoressa Alessia Bertocchini

Una domanda di: ronzulli rosa
salve dottoressa, il mio bambino di 2 anni e 8 mesi ha cominciato ad avere 37,3° di febbre. Alle 17 gli ho messo una supposta di tachipirina. Poi alle 2.10 di notte gliene ho messo un'altra perché la febbra era salita a 39°. Al mattino aveva 36,9° e gli ho messo un'altra supposta. È giusto come ho fatto? Ora è senza febbre, mangia e gioca. Domani posso mandarlo all'asilo (ha iniziato da 15 giorni) o è meglio tenerlo a casa qualche giorno ancora? Grazie in anticipo per l'attenzione e la risposta che mi darà. In attesa, distinti saluti.

Salve, le consiglio di somministrare paracetamolo (tachipirina) se ha febbre (temperatura corporea superiore a 38°/38,5°) o in caso di dolore (al bisogno max ogni 4-6 ore). Può rientrare a scuola dopo 48 ore senza febbre dall'ultimo episodio (in assenza di paracetamolo che altrimenti potrebbe mascherare la sintomatologia). Quindi, domani consiglio di osservarlo a domicilio e se torna febbre di farlo visitare dalla sua pediatra per la cura del caso. 

BimbiSani&belli cercherà la risposta che desideri, consultando fonti autorevoli e attendibili.
Il servizio è riservato ai maggiorenni.


Chiedilo a BimbiSani&Belli
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimbo che si sveglia piangendo: cosa può essere?

22/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

A fronte di un improvviso cambiamento nei ritmi del sonno è opportuno prima di tutto escludere la presenza di un disturbo fisico.   »

Sull’intervallo tra due vaccini vivi attenuati

22/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

La somministrazione di due vaccini vivi attenuati a una distanza inferiore alle 4 settimane può compromettere l'efficacia del secondo vaccino.  »

Iperattivita e prodotti omeopatici

16/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'iperattività (se di iperattività si tratta davvero) è segno di una malattia seria, non si può pensare di affrontarla con il fai-da-te.   »

Fai la tua domanda agli specialisti