Febbre e asilo

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 26/09/2012 Aggiornato il 26/09/2012

Risponde: Dottoressa Alessia Bertocchini

Una domanda di: ronzulli rosa
salve dottoressa, il mio bambino di 2 anni e 8 mesi ha cominciato ad avere 37,3° di febbre. Alle 17 gli ho messo una supposta di tachipirina. Poi alle 2.10 di notte gliene ho messo un'altra perché la febbra era salita a 39°. Al mattino aveva 36,9° e gli ho messo un'altra supposta. È giusto come ho fatto? Ora è senza febbre, mangia e gioca. Domani posso mandarlo all'asilo (ha iniziato da 15 giorni) o è meglio tenerlo a casa qualche giorno ancora? Grazie in anticipo per l'attenzione e la risposta che mi darà. In attesa, distinti saluti.

Salve, le consiglio di somministrare paracetamolo (tachipirina) se ha febbre (temperatura corporea superiore a 38°/38,5°) o in caso di dolore (al bisogno max ogni 4-6 ore). Può rientrare a scuola dopo 48 ore senza febbre dall'ultimo episodio (in assenza di paracetamolo che altrimenti potrebbe mascherare la sintomatologia). Quindi, domani consiglio di osservarlo a domicilio e se torna febbre di farlo visitare dalla sua pediatra per la cura del caso. 

BimbiSani&belli cercherà la risposta che desideri, consultando fonti autorevoli e attendibili.
Il servizio è riservato ai maggiorenni.


Chiedilo a BimbiSani&Belli
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Continue infezioni delle vie urinarie: che fare?

27/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Nel caso in cui si vada incontro a numerose infezioni delle vie urinarie diventa necessario rivolgersi a uno specialista in urologia o uro-ginecologia per farsi indicare il percorso terapeutico più efficace e, quindi, risolutivo.   »

Tutti figli maschi: casualità o genetica?

24/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Paolo Gasparini

Ogni fecondazione costituisce una storia a sé e ogni volta si hanno le stesse probabilità di concepire un maschio o una bambina. È, dunque, sempre il caso a "tirare i dadi".  »

Concepimento: dopo due mesi non si è ancora verificato, c’è da preoccuparsi?

16/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Non fa bene alla fertilità di coppia farsi prendere dall'ansia del risultato immediatamente dopo aver deciso di avere un figlio. Non è, infatti, automatico che la gravidanza inizi quando viene decisa, ma questo non è affatto preoccupante.  »

Fai la tua domanda agli specialisti