Febbre ricorrente

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 13/08/2012 Aggiornato il 13/08/2012

Risponde: Dottoressa Alessia Bertocchini

Una domanda di: simotoni2011@libero.it
Buonasera dottoressa, ho una bambina di 3 anni. A fine giugno ha cominciato ad avere febbre a 39 -40 gradi senza abbassarsi per 6 giorni consecutivi. Il pediatra, visitandola, ha diagnosticato un virus intestinale e mi ha detto di darle soltanto tachipirina oppure efferalgan da 300 mg; non essendo scesa la febbre, mi ha prescritto il supracef per 6-7 giorni. Al terzo giorno la febbre è sparita, ma finito l'antibiotico, dopo 2 giorni e mezzo, è tornata alta. Torno allora dal pediatra e durante la visita non è risultato nulla che potesse darle questa febbre alta e allora mi prescrive delle analisi del sangue. Risultano alterati alcuni lecociti e la ves a 36, così il pediatra mi prescrive abioclav e succede la stessa cosa del supracef, cioè dopo 3 giorni di antibiotico la febbre sparisce e poi torna. Dopo qualche giorno la porto al Pronto soccorso e la ricoverano per 8 giorni. Dagli esami fatti al torace non risulta nulla e così anche dall'ecografia addominale e renale. Ora i valori sono tornati quasi tutti normali. Concludo dicendole che io sono microcitemica e anche mia figlia ha valori un po' anemici; in ospedale hanno fatto il prelievo dei virus e per ben 2 volte a distanza di una settimana è stato avanzato il dubbio della mononucleosi. Ora la bimba è stata dimessa, ma va tenuta sotto controllo, anche se in questi ultimi giorni la febbre non è più tornata. Ieri comunque la mia bimba ha fatto di nuovo gli esami delle urine e del virus della mononucleosi. Stamattina però mi ha chiamato il primario dicendomi che devo ripetere le analisi, senza darmi spiegazioni. Cosa ne pensa?

Non posso dirle perché ha ricevuto una telefonata in cui il medico le ha detto di ripetere gli esami… i motivi per questo possono essere davvero tanti. Sono però d'accordo a indagare, vista la storia. Il suo pediatra e i medici dell'ospedale stanno indagando a 360 gradi, come deve essere fatto. La microcitemia non porta febbre. Ho davvero pochi elementi per dirle l'origine della febbre non avendo visitato la piccola e non avendo visionato gli accertamenti eseguiti (emocromo con formula leucocitaria, indici di flogosi acuta, monotest e anticorpi, funzionalità epatica; esame urine e urinocoltura; ecografia addome e rx torace). Mi  faccia sapere alla luce di tutti gli accertamenti eseguiti e ripetuti. 

BimbiSani&belli cercherà la risposta che desideri, consultando fonti autorevoli e attendibili.
Il servizio è riservato ai maggiorenni.


Chiedilo a BimbiSani&Belli
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Perché il bimbo in utero non si vede ancora?

23/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se l'ovulazione avviene più tardi rispetto all'ipotesi può accadere che l'embrione non sia visibile ecograficamente nell'epoca della gravidanza in cui generalmente lo è già.   »

SOS crisi di pianto inconsolabile

23/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Una volta appurato che il lattante piange per via delle "coliche dei tre mesi", non resta che attendere pazientemente che le crisi a poco a poco diminuiscano fino a sparire. Nella ceretzza che le sue urla disperate sono espressione di forza e di salute.   »

Peso: quale aumento a quattro mesi di vita?

19/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

L'aumento di peso ha un andamento influenzato da alcune variabili, tuttavia intorno al quinto mese di vita dovrebbe essere doppio rispetto a quello presentato alla nascita.   »

Fai la tua domanda agli specialisti