filomena

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 19/09/2012 Aggiornato il 19/09/2012

Risponde: Dottoressa Lucia Romeo

Una domanda di: filomena
Ho un bimbo di 2 anni un po' pigro: ha gattonato pochissimo ed è riuscito a camminare a 17 mesi. Ora il problema è che non pronuncia nessuna parola (ogni tanto dice qualcosina… come okay e babbà, ma nulla più). Poi fa finta di contare a modo suo e indica gli oggetti che vuole, ma non li chiama per nome e se gli fai presente che quella è una palla o una sedia e chiedi di ripetere la parola lui si incapriccia e piange … Noto delle differenze con i suoi coetanei… Devo preoccuparmi o è proprio vero che ogni bimbo ha i suoi tempi?

Stia tranquilla signora. Nulla di cui preoccuparsi. Non c'è fretta! Aspetti e vedrà che farà tutto, d'altronde… non è così grande!

BimbiSani&belli cercherà la risposta che desideri, consultando fonti autorevoli e attendibili.
Il servizio è riservato ai maggiorenni.


Chiedilo a BimbiSani&Belli
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimbo di sette mesi con un “buchetto” sopra il sederino: è preoccupante?

16/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

La presenza di una fossetta sacro-coccigea a fondo cieco, se non è associata ad altri segnali che possano far pensare a un problema della colonna vertebrale, non è significativa.   »

Epatiti dei bambini: c’entra il vaccino contro il CoVid-19?

28/04/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Matteo Bassetti

Non ci sono elementi che suggeriscano una relazione tra il vaccino contro il coronavirus Sars-CoV-2 e l'epatite acuta dell'età pediatrica.  »

Preoccupata per l’assenza di sintomi “di gravidanza”

19/04/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Non è così automatico che la gravidanza, una volta iniziata, determini la comparsa di sintomi specifici, quindi l'assenza dei disturbi "tradizionali" (nausea, tensione al seno e così via) non deve essere interpretata come un segnale per forza negativo.  »

Fai la tua domanda agli specialisti