filor [uid:1984]

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 22/11/2012 Aggiornato il 22/11/2012

Risponde: Dottoressa Francesca Pinto

Una domanda di: filor
Buonasera dottoressa, le spiego subito il mio problema. Ho un bambino di 4 mesi e mezzo a cui è stata diagnosticata una bronchite. La pediatra ci ha prima consigliato di fare aerosol con Aircort, poi vedendo che la situazione non migliorava, gli abbiamo dato l'Amoxicillina per una settimana. Sembrava che la situazione stesse migliorando ma dopo due giorni ci siamo trovati come all'inizio. Ora stiamo facendo fare al bambino l'aerosol con Aircort più Oxiven, ma i risultati sono poco evidenti… Che cosa mi consiglia di fare, considerando anche che il bambino dovrebbe fare la vaccinazione? La ringrazio

Buongiorno. Purtroppo senza visitare il bambino non è possibile fare una diagnosi né prescrivere una terapia. Faccia fare dei controlli dalla pediatra e attenda la completa guarigione prima di sottoporlo al vaccino.

BimbiSani&belli cercherà la risposta che desideri, consultando fonti autorevoli e attendibili.
Il servizio è riservato ai maggiorenni.


Chiedilo a BimbiSani&Belli
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimbo che si sveglia piangendo: cosa può essere?

22/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

A fronte di un improvviso cambiamento nei ritmi del sonno è opportuno prima di tutto escludere la presenza di un disturbo fisico.   »

Sull’intervallo tra due vaccini vivi attenuati

22/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

La somministrazione di due vaccini vivi attenuati a una distanza inferiore alle 4 settimane può compromettere l'efficacia del secondo vaccino.  »

Iperattivita e prodotti omeopatici

16/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'iperattività (se di iperattività si tratta davvero) è segno di una malattia seria, non si può pensare di affrontarla con il fai-da-te.   »

Fai la tua domanda agli specialisti