ginevra

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 11/04/2012 Aggiornato il 11/04/2012

Risponde: Dottor Lucio Palmiero

Una domanda di: ginevra
Buongiorno,

ho portato il busto dai 13 ai 16 anni per una scoliosi di circa 36 gradi con curva in alto a destra e in basso a sinistra. Il tutto accompagnato da una cifosi. Ora sto bene e non avverto particolari dolori ma mi chiedevo se mia figlia di 3 potrebbe in futuro soffrire degli stessi problemi.

Grazie

Gentile signora,
I dismorfismi rachidei dell'età evolutiva (scoliosi e cifosi) sono nell'80% dei casi su base eredo-familiare.
Dunque il Suo quesito è più che legittimo.
Se nella zona dove abita non esiste un programma di screening scolastico che abbia la finalità di scoprire precocemente la patologia della schiena dell'età evolutiva, sottoponga Sua figlia ad una visita presso un ortopedico di fiducia.
L'età consigliata per lo screening è quella tra i 9 ed i 13 anni,o prima, nel caso che scoprisse asimmetrie del tronco (scapole , triangoli della taglia etc.).
Distinti saluti
Lucio Palmiero

BimbiSani&belli cercherà la risposta che desideri, consultando fonti autorevoli e attendibili.
Il servizio è riservato ai maggiorenni.


Chiedilo a BimbiSani&Belli
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

L’amore per la mamma è “automatico”?

01/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'amore che un piccolissimo prova per la madre è legato al fatto che è la madre a prendersi principalmente cura di lui.  »

Sull’intervallo tra due vaccini vivi attenuati

22/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

La somministrazione di due vaccini vivi attenuati a una distanza inferiore alle 4 settimane può compromettere l'efficacia del secondo vaccino.  »

Iperattivita e prodotti omeopatici

16/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'iperattività (se di iperattività si tratta davvero) è segno di una malattia seria, non si può pensare di affrontarla con il fai-da-te.   »

Fai la tua domanda agli specialisti