giubar

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 05/11/2012 Aggiornato il 05/11/2012

Risponde: Dottoressa Lucia Romeo

Una domanda di: giubar
Salve, sono la mamma di un piccolo di 14 settimane; abbiamo scoperto la settimana scorsa al controllo del terzo mese che il piccolo era cresciuto molto poco rispetto ai mesi precendenti, cioè al primo mese 1,550 kg, al secondo 900 gr e al terzo mese 330 gr. Il pediatra si è insospettito e mi ha prosposto di fare l'urinocoltura e abbiamo scoperto che ha dei batteri e presenza di leucociti nelle urine. Sto facendo la cura con un antibiotico in sciroppo per una settimana. Premetto che il piccolo mangia con appetito il latte Humana 1 in quantità 180 ml di acqua e 6 misurini. Da che cosa può dipendere questo problema? Il pediatra sostiene che possano essere i pannolini… Grazie mille

Non c'entrano i pannolini nel senso stretto della parola, ma il fatto che la pipì e le feci del bimbo, rimanendo nel pannolino a contatto qualche tempo più del normale, possano contaminare e quindi creare infezioni.

BimbiSani&belli cercherà la risposta che desideri, consultando fonti autorevoli e attendibili.
Il servizio è riservato ai maggiorenni.


Chiedilo a BimbiSani&Belli
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Escursione a 1650 metri: si può portare un bambino?

13/08/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Un bimbo di tre anni può avere problemi di adattamento se viene portato ad altitudini superiori ai 2500-3000 metri.  »

Il Sars-CoV-2 può rendere sterile il mio bambino?

13/08/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Matteo Bassetti

Che l'infezione causata dal nuovo coronavirus possa provocare infertilità maschile è solo un'ipotesi non dimostrata.   »

A due anni perché non parla ancora?

12/08/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Daniela Biatta

Fino ai tre anni di età, una volta esclusi deficit di qualsiasi natura, si può ipotizzare la non grave condizione di "parlatore tardivo"  »

Fai la tua domanda agli specialisti