kim [uid:1501]

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 07/09/2012 Aggiornato il 07/09/2012

Risponde: Dottoressa Alessia Bertocchini

Una domanda di: kim
Buongiorno dottoressa, la mia bambina di due anni spesso si tocca la fronte e mi dice che ha mal di testa. È possibile a quest'età? Grazie per la sua attenzione.

Sì. I bambini piccoli possono comunicare male i loro disturbi con le parole, ma sicuramente i segni in caso di malessere non vanno sottovalutati. Il pianto potrebbe essere un segnale per manifestare dolore. A due anni non sono piccolissimi e oltre ai segni visibili iniziano a manifestare il malessere anche con le parole. Se la cosa si presenta spesso le consiglio di parlarne con il suo pediatra, sopratutto se la bambina smette di giocare e appare diversa, quindi effettivamente disturbata: i motivi possono essere veramente tanti.

BimbiSani&belli cercherà la risposta che desideri, consultando fonti autorevoli e attendibili.
Il servizio è riservato ai maggiorenni.


Chiedilo a BimbiSani&Belli
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Problemi di linguaggio in bimbo di tre anni

21/10/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Daniela Biatta

A fronte di evidenti difficoltà di linguaggio, in un'età in cui ci si aspetta che il bambino sappia utilizzare un certo numero di parole e di frasi compiute, sono opportuni un controllo audiologico e una valutazione da parte del neuropsichiatra infantile.   »

Progesterone o aspirinetta in gravidanza?

12/10/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

I due prodotti medicinali non sono incompatibili: se la condizione della futura mamma lo richiede si possono impiegare tutti e due.   »

Bimbo di sette anni che sfida continuamente la mamma

11/10/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Non si può permettere a un bambino di tenere sotto scacco i genitori, disobbedendo e facendo sempre e solo di testa propria. Contenerlo con dolce fermezza è la priorità assoluta.   »

Fai la tua domanda agli specialisti