Marijuana

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 17/08/2012 Aggiornato il 17/08/2012

Risponde: Dottoressa Alessia Bertocchini

Una domanda di: daisyy
Buonasera dottoressa, ho un bellissimo bambino di 2 anni e 4 mesi che ancora non parla. Ho tanta paura che questo possa dipendere dal fatto che durante la gravidanza e durante l'allattamento non ho smesso di
fumare spinelli. Sono molto pentita di quello che ho fatto e non me la sento di
affrontare l'argomento con il mio pediatra. Lei pensa che dovrei fargli fare delle
analisi del sangue e altri accertamenti?

Alcune ricerche suggeriscono che le donne che fumano spinelli regolarmente corrono un maggior rischio di parto prematuro e di dare alla luce un bambino con basso peso alla nascita, esattamente come accade per le donne che fumano sigarette. I bambini prematuri che al momento della nascita pesano poco corrono maggiori rischi di morte in culla, di soffrire di problemi di apprendimento o di altri tipi di disabilità. Si ritiene che i bambini nati da madri che hanno usato marijuana regolarmente possano avere problemi di concentrazione, di aggressività e problemi scolastici. La marijuana può passare nell’organismo del neonato attraverso il latte materno, inoltre può influire negativamente sulla qualità e sulla quantità del latte. Finora non è stato dimostrato con sicurezza che i bambini esposti alla marijuana durante l’allattamento possano avere problemi di salute, tuttavia l’American Academy of Pediatrics consiglia di evitare l’uso della marijuana durante l’allattamento. Ne parli con il suo pediatra con serenità.

BimbiSani&belli cercherà la risposta che desideri, consultando fonti autorevoli e attendibili.
Il servizio è riservato ai maggiorenni.


Chiedilo a BimbiSani&Belli
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Quinta malattia: sono incinta e forse sono stata contagiata: che fare?

20/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Fabrizio Pregliasco

Nel caso in cui vi sia il dubbio di essere state contagiate dal parvovirus B19, è opportuno effettuare il test per la ricerca degli anticorpi specifici. Questa analisi dle sangue permette di capire se si è state colpite o no dall'infezione.   »

Concepimento: dopo due mesi non si è ancora verificato, c’è da preoccuparsi?

16/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Non fa bene alla fertilità di coppia farsi prendere dall'ansia del risultato immediatamente dopo aver deciso di avere un figlio. Non è, infatti, automatico che la gravidanza inizi quando viene decisa, ma questo non è affatto preoccupante.  »

Distacco amniocoriale che non si riassorbe con il passare delle settimane

14/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In presenza di un distacco amniocoriale che non si risolve non serve intensificare i controlli, mentre sono utili il riposo e un'alimentazione che favorisca l'attività dell'intestino, perché la stipsi può favorire la comparsa prematura di contrazioni uterine.   »

Fai la tua domanda agli specialisti