mia

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 14/02/2013 Aggiornato il 14/02/2013

Risponde: Dottoressa Francesca Pinto

Una domanda di: miasorride
Gentile dottoressa, chiedo il suo aiuto: sto per andare psicologicamente in frantumi, mi sento incapace di gestire la situazione che le sto per illustrare. Ho due figli, la maggiore ha 4 anni e tre mesi e il minore ha 14 mesi. La bambina ha acquisito il controllo totale degli sfinteri un anno fa, senza mai fare la pipì a letto. Da circa un mese, di notte, una volta ogni 7/10 giorni, intorno alle 4 del mattino mi chiama perché è bagnata, io non la rimprovero, la rassicuro dicendole che può succedere ma sono seriamente preoccupata. Ho notato che le notti in cui accade l'episodio sono preceduti da pomeriggi segnati da piccoli episodi di paura o dopo aver visto un film un po' pauroso. Lei ha ultimamente sempre bisogno della mia presenza, è sempre stata una bimba coraggiosa e autonoma, adesso invece è cambiato tutto, ha paura, si mangia le unghie e digrigna i dentini durante il sonno, e in più fa la pipì a letto! Devo preoccuparmi? Come devo comportarmi? Devo darle più attenzioni? Più premure? La prego di aiutarmi, buona giornata e grazie anticipatamente.

Buongiorno. Poiché lei stessa ha notato che questi episodi si verificano in concomitanza di situazioni che alla piccola generano ansia, escluderei una causa organica, ma le consiglio comunque di fare un esame delle urine e l'urinocoltura per completezza. Per quanto riguarda la maggiore sensibilità della piccola in questo periodo cerchi di approfondire quale ne possa essere la causa, cercando nel contempo di rassicurare la piccola, senza però esagerare. Ne parli inizialmente con la sua pediatra e se il problema dovesse persistere si faccia consigliare su eventuali provvedimenti. Saluti

BimbiSani&belli cercherà la risposta che desideri, consultando fonti autorevoli e attendibili.
Il servizio è riservato ai maggiorenni.


Chiedilo a BimbiSani&Belli
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Tosse dei bambini: l’antibiotico serve o no?

14/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

La tosse secca, anche se più disturbante, non deve preoccupare e non richiede inevitabilmente l'antibiotico, che invece va somministrato quando la tosse è “grassa”, con tanto catarro, e si protrae per oltre quattro settimane senza alcun accenno di miglioramento.  »

Strapazzo forte nelle prime settimane di gravidanza: ci sono pericoli?

14/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

L'utero è morbisissimo al suo interno, rivestito da tessuto muscolare elastico all'esterno, e il liquido di cui è piena la camera gestazionale fa da ulteriore ammortizzatore in caso di urti intensi, quindi non è facile (per fortuna!) causare traumi al feto. La natura fa le cose per bene.   »

Bimba di sei anni che tiranneggia mamma e fratello: che fare?

08/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Una bambina costantemente ribelle, che fa continui capricci e assume atteggiamenti provocatori probabilmente ha solo bisogno dei famosi paletti, che segnano il limite da non superare e, per quanto strano possa apparire, fanno sentire i figli amati, protetti, accuditi.   »

Fai la tua domanda agli specialisti