"nervosetto"

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 31/05/2012 Aggiornato il 31/05/2012

Risponde: Dottoressa Alessia Bertocchini

Una domanda di: SHARON
Salve dottoressa, volevo chiederle alcune cose riguardo il mio bambino..lo
descrivo un po' per rendere un po' chiaro com'è mio figlio… Lui ha 16
mesi, è un monello, vispo, chiacchierone, attivo, nervosetto ed esigente che si
aggira per casa col ditino spianato per chiedere cio' che vuole, ovvero
tutto… Ama giocare e soprattutto ballare! Nell'ambito sociale si mostra
inizialmente timido ma poi basta poco per prendere confidenza e giocare..
La cosa che mi irrita e non riesco a capire è un brutto gesto che fa
soprattutto ad estranei: ovvero gli vengono i nervi, veri e proprio (FA UNA BRUTTA SMORFIA
CON LA BOCCA, SGRANA GLI OCCHI E STRINGE I PUNGI) A VOLTE LO FA ANCHE CON MIA
MAMMA CHE LUI ADORA… LO FA APPENA LA VEDE… La cosa che ho notato è che lui
è interessato a queste persone perché me le indica… Ho pensato che è un
gesto che usa per mettersi al centro dell'attenzione perché sa benissimo
riproporre se gli viene chiesto il gesto e alla domanda se si fa risponde :
NOO!! LO FA ANCHE QUANDO GLI NEGO QUALCOSA O è INNERVOSITO!!! PERCHÈ LO
FA????SOPRATTUTTO CON LA GENTE??? PER DIFESA ..?? PER TIMIDEZZA??? PER
ATTENZIONE,,?????,NON SO COME COMPORTARMI!!!!! AIUTOOO!!!!!!! GRAZIE IN
ANTICIPO!!!!!!

Nessuno meglio della mamma conosce il proprio figlio e si è gia' risposta ampiamente da sola. Da quanto descrive è un gesto con cui il bambino dimostra di "esistere agli altri". Lo consideri, ci parli, non banalizzi, ma neppure gli dia un significato più grande di quanto rappresenta al momento; visto che il piccolo lo definisce "vispo monello e chiaccherone" sta provando ad interagire con gli altri nei modi che vede, che sente e che in modo primordiale riesce a sperimentare e riprodurre. Facciamolo crescere, le regole devono essere condivise da tutta la famiglia, l'ambiente deve essere sereno e la mamma tranquilla, i bambini piccoli sono delle spugne. Lo perderà e farà altro. 

BimbiSani&belli cercherà la risposta che desideri, consultando fonti autorevoli e attendibili.
Il servizio è riservato ai maggiorenni.


Chiedilo a BimbiSani&Belli
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dopo 4 maschietti arriverà la bambina?

16/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Faustina Lalatta

Non è assolutamente detto che dopo quattro figli maschi il quinto sarà una femminuccia perchè a ogni gravidanza si ripresentano le stesse probabilità di aver concepito un maschio o una bambina.   »

Placenta bassa in 16^ settimana: si può prendere l’aereo?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una sospetta inserzione bassa della placenta va confermata con l’ecografia transvaginale a partire dalla 20^ settimana, quindi circa un mese prima di questa data è prematuro diagnosticarla: proprio per questo un viaggio in aereo si può affrontare senza rischi.   »

Dopo tre cesarei si può partorire naturalmente?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Al travaglio di prova dopo un parto cesareo, noto con l'acronimo TOLAC dall'inglese trial of labour after cesarean, possono essere ammesse solo le mamme che abbiano già affrontato l'intervento solo una, massimo due volte.   »

Manovre effettuate durante l’ecografia: possono causare danno al feto?

04/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giovanni Battista Nardelli

Nessuna delle manovre manuali esterne effettuate dal medico per poter svolgere l'ecografia nel migliore dei modi può esporre il feto a rischi.   »

Bimbo di 4 anni con una tosse che non passa nonostante l’antibiotico

02/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

È un'eventualità frequente che i bambini della scuola materna passino più tempo a tossire che il contrario. Posto questo, l’antibiotico andrebbe usato quanto la tosse con catarro persiste per più di un mese senza tendenza alla remissione.  »

Fai la tua domanda agli specialisti